lunedì 3 agosto 2015

Quarantenne palestinese ferito da ebrei fanatici vicino a Lod in Cisgiordania!

Molta sfortuna per i rappresentanti del 'popolo eletto' che nelle ultime ore, dopo essere riusciti bravamente a bruciare vivo un neonato palestinese e uccidere a colpi d'arma da fuoco due giovani che protestavano per la sua morte non sono riusciti a investire un palestinese vicino a Ras al-Amoud (Gerusalemme) e adesso non sono riusciti nemmeno a ucciderne un altro vicino a Lod dopo averlo pestato a sangue e pugnalato, lasciandolo a terra riverso nel suo sangue.

domenica 2 agosto 2015

Diciannove terroristi eliminati dall'Esercito Siriano vicino Sahl al-Ghab!

In una operazione combinata nei dintorni di Sahl al-Ghab (al confine tra la Provincia di Hama e quella di Idlib) le truppe dell'Esercito Siriano e i volontari della milizia NDF sono riusciti a prendere in un agguato un distaccamento di terroristi di Al-Nusra eliminandone diciannove nel fuoco incrociato e mettendo in fuga i loro complici superstiti.

Lo scontro si inserisce nel quadro dell'offensiva che sta portando le forze governative siriane a riconquistare rapidamente i territori abbandonati in primavera di fronte all'avanzata delle forze terroristiche sostenute da Arabia Saudita, Turchia e NATO.

Hasakh é ormai "zona sicura" e migliaia di civili tornano alle loro case, spesso danneggiate dai takfiri dell'ISIS!

Non appena l'Esercito Siriano e i movimenti della Resistenza hanno annunciato di aver ristabilito il controllo sull'hinterland di Hasakah centinaia di residenti hanno iniziato a tornare alle proprie abitazioni. Alcuni cittadini appena rientrati nell'area bonificata hanno dichiarato di essere fieri dell'eroismo dei membri dell'Esercito e grati per i loro sacrifici sostenuti negli oltre trenta giorni di combattimento che sono stati necessari per respingere le orde dell'ISIS. Il Governatore di Hasakah, Mohammad Zaal al-Ali, ha invitato tutti gli altri abitanti sfollati a tornare alle loro proprie case, affermando che le squadre tecniche di manutenzione inizieranno immediatamente a lavorare per riparare le infrastrutture danneggiate ed i principali servizi pubblici saccheggiati e vandalizzati.

Purtroppo nel corso dei combattimenti i terroristi sono riusciti a distruggere le cisterne che contenevano oltre sedici milioni di litri di combustibile necessari ad alimentare la centrale elettrica. Si spera che questa riserva possa venire ricostituita rapidamente.

La Siria con Assad festeggia il 70esimo anniversario delle proprie Forze Armate!!

Settanta anni fa venivano fondate nella Siria liberata dal giogo del colonialismo francese (che l'aveva mutilata della Provincia di Alessandretta e artificiosamente separata dal Libano) le Forze Armate Nazionali. In occasione dell'anniversario, che cade in un momento in cui l'Esercito, l'Aviazione e tutte le altre branche della Difesa Nazionale stanno facendo miracoli per proteggere l'unità e l'identità stessa del Paese, il Presidente Assad ha esteso le proprie congratulazioni e i suoi più sentiti ringraziamenti a ogni uomo, ufficiale o soldato, che stia servendo in uniforme.

"Nonostante la portata delle sfide imposte dalla aggressione terrorista, siete stati e siete sempre in grado di affrontare la sfida. Siete fortemente presenti in ogni confronto con il nemico e siete un esempio da seguire di eroismo e sacrificio".

Offensiva di terra yemenita contro basi saudite nel Jizan, colpita anche Al-Janoub nell'Asir!

Coerentemente con quanto annunciato da Yemen Press, ripreso dall'Agenzia FARS e quindi riportato anche sulle nostre colonne la concentrazione di truppe dell'Esercito Yemenita e dei combattenti di Ansarullah lungo il confine con l'Arabia Saudita si é concretizzata in attacchi sempre più massicci e intensi contro le basi e gli avamposti del regime di Riyadh, tra cui nelle ultime ore sono state bersagliate più frequentemente quelle nella regione di Jizan.

In particolare una base saudita dopo intensi combattimenti di terra che hanno visto l'impiego massiccio di artiglieria convenzionale e mezzi blindati é caduta completamente in mano agli attaccanti yemeniti che l'hanno saccheggiata distruggendo poi tutto quello che non erano in grado di portare via causando danni per centinaia di milioni di dollari.

Tutto "normale" in Cisgiordania: invasore ebreo investe civile palestinese, i militari sionisti lo difendono e lo fanno fuggire!

Dopo l'impresa del rogo assassino di Douma e la successiva uccisione di due manifestanti disarmati il "popolo eletto" che invade e occupa militarmente la Cisgiordania  ha pensato di potere fare ancora 'meglio' e, tramite un miliziano delle fungaie velenose dette 'colonie' ha lanciato l'ennesimo attentato stradale contro un pedone palestinese.
Il cittadino di Gerusalemme é stato colpito dall'automobilista ebreo nelle vicinanze della moschea del quartiere di Ras al-Amoud. Immediatamente una folla si é radunata per prestare soccorso all'investito, mentre altri passanti si raccoglievano intorno all'auto dell'investitore, che aveva dovuto rallentare, con l'intenzione di bloccarlo e fargliela pagare.