mercoledì 24 agosto 2016

I combattenti yemeniti sul punto di conquistare la Diga di Najran in territorio saudita!

La Diga di Najran era già stata obiettivo di attacchi Houthi molti mesi addietro, a dimostrazione di come i coraggiosi e tenaci combattenti yemeniti siano in grado di penetrare a volontà le province meridionali saudite; ora però la situazione é molto cambiata e anzicheè una sporadica incursione di guerriglia l'infrastruttura saudita potrebbe trovarsi a cadere stabilmente in mano yemenita.

E' questa la prospettiva che si presenta agli esterrefatti comandanti sauditi che non sanno che pesci pigliare di fronte all'audacia delle iniziative yemenite che giostrano e toreano con le lente e ponderose forze armate del regno wahabita con tutta la grazia di un Mohamed Alì, non dimenticando di piazzare anche diretti dolorosissimi.

martedì 23 agosto 2016

Anche a Qamishly i Curdi, messi con le spalle al muro da NDF ed Assiri, accettano la tregua!

I combattenti siriani della milizia popolare NDF e le forze assiro.cristiane della brigata "Gozarto" hanno preso a calci i traditori Curdi cacciandoli dal quartiere di Corniche di Qamishli dopo combattimenti durati tutta la notte con notevole intensità.
Inoltre i governativi e i loro alleati hanno cacciato i Curdi dalle vicinanze di tutte le basi strategiche della città, compreso l'aeroporto internazionale che continua a funzionare e da cui il Governo centrale potrà continuare a far affluire rinforzi e rifornimenti secondo le necessità.

Il Presidente del Parlamento iraniano Larijani: "I Russi continuano a usare la base aerea di Hamadan!"

Necessaria chiarezza sulla situazione alla base aerea di Nojeh-Hamadan nell'Iran occidentale.
Nella giornata di ieri un vortice di affermazioni esagerate e inesatte si é diffuso riguardo al fatto che la cooperazione militare russo-iraniana per gli attacchi aerei verso la Siria orientale si sarebbe "temporaneamente interrotta".

Una accurata analisi e ispezione dei comunicati ufficiali iraniani mostrava però semplicemente l'avviso che, contrariamente a quanto riportato dai media internazionali nel pomeriggio di domenica, la Repubblica Islamica non aveva intenzione di estendere permanentemente il controllo di Nojeh-Hamadan all'Aviazione Russa, come invece ha fatto la Repubblica Araba Siriana col sito di Hymemim.

Dopo nuovi scontri e attacchi aerei i Curdi ad Hasakah siglano una tregua mediata dai Russi!

Ancora una volta ci troviamo a dover prendere tutti i fan degli zozzoni peshmerda curdi dare loro una massiccia dose di realtà facendoli precipitare giù dalle nuvolette della loro immaginazione così come abbiamo infranto i loro ingenui sogni di ragazzine eccitate riguardo la "liberazione" di Manbij e altre fanfalucate del genere.

Dopo altri due giorni di scontri in cui hanno subito dozzine e dozzine di perdite (grazie anche a nuovi attacchi aerei della SyAAF assolutamente non ostacolati o intercettati dai loro "amici amerikani") e dopo aver perso centinaia di militanti arabi passati coi governativi i Curdi hanno trattato con mediazione russa una tregua per Hasakah e zone circostanti.

lunedì 22 agosto 2016

Stamane si sono contati oltre cinquanta attacchi aerei di jet ed elicotteri russi contro i terroristi a Sud-Ovest di Aleppo!

Solamente nella mattinata di oggi l'Aviazione Russa ha compiuto 56 missioni di combattimento contro obiettivi takfiri a Sud-Ovest di Aleppo, con 35 incursioni aeree e 21 compiute da elicotteri; centri di comando, colonne di rifornimenti, concentrazioni di mercenari e veicoli armati di Jaysh Fatah sono stati colpiti e ricolpiti ripetutamente dai jet e dai Mi-24 e Mi-28 di Putin.

Nel Ghouta Est anche Hawsh Dawarah cade sotto il controllo delle forze siriane!

I terroristi di Jaysh Islam hanno provato nelle ultime ore a condurre un contrattacco nel Ghouta Est per riprendere il controllo di Hawsh Nasri, villaggio conquistato dai Siriani poco prima di Ferragosto; nonostante tutti i loro sforzi la situazione di armamento e rifornimenti delle milizie takfire é ormai così critica che dopo poco non solo l'attacco é stato interrotto ma le fanterie siriane, guidate dalla 105esima Brigata della Guardia Repubblicana e da unità scelte della milizia popolare NDF di Damasco si sono fatte strada fino a Hawsh Dawarah.