sabato 31 gennaio 2015

Hamas prende imponenti misure di sicurezza al confine col Sinai!

Quarantaquattro persone sono morte e circa un'ottantina sono rimaste ferite a causa di attacchi terroristici nel Sinai. Un'autobomba ad altissimo potenziale é esplosa fuori dal Quartier Generale della 101esima Brigata dell'Esercito Egiziano ad Al Arish, importante centro della Penisola, dopodiché colpi di mortaio sono stati lanciati contro coloro che accorrevano per prestare soccorso, codarda misura per aumentare il bilancio di sangue.

Ali Velayati: "La Russia sostiene l'ingresso della Repubblica Islamica nell'Organizzazione di Cooperazione di Shanghai!"

Inviato a Mosca per incontrarsi direttamente col Presidente russo Vladimir Putin, con un messaggio personale del Presidente Rohani da consegnargli, Ali Akbar Velayati, dopo i suoi incontri con i vertici del Cremlino ha dichiarato che "La Russia sostiene pienamente l'entrata a tutti gli effetti della Repubblica Islamica nell'Organizzazione di Cooperazione di Shanghai, anche se per vedere questo risultato sarà necessario attendere ancora un po'".

Analisti sionisti nel panico! Hezbollah ha usato i nuovi missili 'Kornet-EM' nell'operazione di rappresaglia?

Il servizio segreto militare sionista é sotto accusa; sembra che, nel corso dell'operazione di rappresaglia condotta nelle Sheeba Farms occupate, che ha visto l'uccisione di molti militari di Tel Aviv, il movimento sciita Hezbollah abbia fatto uso dei missili anticarro di ultima generazione Kornet-EM.

Il sistema Kornet era già stato usato da Hezbollah nella guerra del 2006, ma in versioni più vecchie, già apparse durante la guerra in Irak contro l'occupazione americana.

L'Esercito di Assad attacca su tutto il fronte a Jabal Arbaeen e libera la cittadina di Areeha!!

Ieri mattina l'undicesima Divisione corazzata dell'Esercito di Assad, coadiuvata dai Comitati di Difesa Popolare NDF, é riuscita a prendere di sorpresa con un massiccio attacco coordinato i difensori di Jabal al-Arbaeen, estremisti takfiri perlopiù collegati con il 'Fronte Al-Nusra', formazione wahabita sostenuta da Riyadh.

venerdì 30 gennaio 2015

Il Re Salman (o chi per lui) mette alla porta anche il figlio della schiava negra! Bandar 'Bush' perde ogni carica!!

Di Bandar 'Bush' i nostri lettori più assidui e appassionati dovrebbero ormai conoscere vita, morte e miracoli visto che gli dedichiamo articoli ormai da molti anni; ebbene, dopo aver ricoperto tante cariche per conto del vecchio Re, che governava l'Arabia Saudita da ben prima di salire al trono (a causa della precoce demenza di Re Fahd), anche Bandar si ritrova disoccupato, 'silurato' nel repulisti generale che continua in quel di Riyadh sotto il nuovo regnante Salman.

Nasrallah: "Israele é una crescita cancerosa che affligge il Medio Oriente!", "Beirut, Damasco e Teheran unite nella stessa lotta!"

Sayyed Hassan Nasrallah, leader del movimento sciita di Resistenza Hezbollah, parlando alle telecamente ha chiamato il regime ebraico di Tel Aviv "una crescita cancerosa che affligge il Medio Oriente".

Commentando la recente azione militare di Hezbollah presso le Fattorie di Sheeba, ha poi aggiunto: "L’attacco al convoglio israeliano, lanciato come rappresaglia, rappresenta l’unità tra Beirut, Damasco e Teheran".

Il Generale Soleimani a Beirut legge il Corano inginocchiato accanto alla tomba del martire Jihad Mugniyeh!

Il Generale dell'IRGC Qassem Soleimani, eroe della guerra contro il terrorismo, ha visitato nella giornata di ieri Beirut, fermandosi a rendere omaggio alle tombe dei martiri della famiglia Mugniyeh, tra cui il Comandante Imad e il militante di Hezbollah, Jihad, che si sono immolati rispettivamente nel 2008 e pochi giorni fa.

L'ISIS a Raqqa ammazza oltre sessanta combattenti sauditi che volevano scappare!!

Cittadini siriani di Raqqa, fedeli al Governo di Bashar Assad ma costretti dalle circostanze a rimanere sotto il giogo bigotto dei terroristi dell'ISIS riportano che una nuova esecuzione di massa di oltre sessanta combattenti sauditi e degli Emirati Arabi che hanno cercato di disertare le fila del 'Califfato' sia avvenuta pochi giorni orsono.

Hariri e i suoi alleati non conoscono vergogna! Agitano lo spauracchio "dell'ISIS" per far entrare gli Usa in Libano!!

L'Alleanza 14 Marzo, carrozzone di vendipatria, mafiosi, filowahabiti e altre bestie feroci del panorama politico libanese, nominalmente guidata dal Renzo Bossi del Paese dei Cedri, Saad Hariri, non conosce veramente alcuna decenza e alcun senso di vergogna. Con il Libano assediato da Est e da Sud, rispettivamente dai takfiri agli ordini di Washington e dalle truppaglie del regime giudaico, con la Resistenza nazionale impegnata in prodigi di valore e abnegazione per combattere la peste estremista in Siria e l'arroganza sionista nel Golan e nelle Fattorie di Sheba (terra libanese ancora invasa e occupata), i politicanti disingenui e ipocriti di Hariri ne 'approfittano' per cercare di aprire surrettiziamente la porta a nuove influenze imperialiste a Beirut, con la 'scusa' di una possibile minaccia dell'ISIS!

Mansour Hadi e Khaled Bahah sono tenuti sotto controllo dai miliziani Houthi? La voce si diffonde, ma é fondata??

Il  Governo yemenita, anziché prendere la porta d'uscita visto che le dimissioni dell'Ex-premier Bahah lo hanno spogliato di ogni legittimità, ha lanciato un "allarme" dicendo che l'ex-capo dell'Esecutivo e l'Ex-presidente Mansour Hadi (anche lui dimissionario, in contemporanea con Bahah) sarebbero 'tenuti agli arresti domiciliari' dall'organizzazione Ansarullah, che recentemente, esasperata dalla doppiezza e dall'inaffidabilità delle istituzioni succedute al regime autocratico di Abdallah Saleh, ha preso il controllo della capitale Sanaa.

Eccezionale operazione delle forze siriane elimina decine di terroristi takfiri e libera il villaggio di Jaffra vicino Deir Ezzour!!

A Sudest di Deir Ezzour, proprio a fianco dell'Isola Sakr, sulla riva destra dell'Eufrate si trova il villaggio di Jaffra, un tempo roccaforte dell'ISIS. Ora questo centro, piccolo ma strategicamente posizionato, é stato liberato dai terroristi grazie a una coraggiosa operazione delle forze speciali siriane che sembra presa dalle pagine di Alistair McLean (autore dei best-seller 'I Cannoni di Navarone' e 'Dove Osano le Aquile').

Oleodotto di 771 Kilometri inaugurato tra Myanmar e la Cina: per questo il NYT berciava qualche giorno fa?

Un oleodotto che permette di trasportare 22 milioni di tonnellate di greggio all'anno dall'Isola di Madae, a Myanmar (ex-Birmania) fino alla Cina é stato inaugurato ieri; l'opera, che copre da distanza di 771 Km é stata tenuta a battesimo dal Vicepresidente U Nyan Tun e dal Direttore Generale della Corporazione Petrolifera Nazionale Cinese, Liao Yongyuan.

giovedì 29 gennaio 2015

Sembrerebbe confermata la cattura di un militare sionista da parte dei combattenti di Hezbollah!

Diverse fonti libanesi vicine alla Resistenza sciita (tra cui però NON l'emittente ufficiale di Hezbollah) starebbero diffondendo conferme riguardo la presenza di un militare sionista nelle mani dei combattenti di Nasrallah, catturato nel corso della vittoriosa operazione di ieri che ha visto la distruzione di numerosi mezzi militari del regime ebraico e il ferimento e l'uccisione di molti suoi soldati delle forze di occupazione.

Lo abbiamo trovato!!! Ecco il video che mostra i "Panzer" di Hezbollah (irakeno)!!!

Grazie ai nostri AMATISSIMI, PREZIOSISSIMI contatti sparsi nel mare magno della rete cibernetica siamo riusciti, come ci auguravamo giusto poche ore fa, a trovare e visionare il filmato di propaganda che mostra il trasferimento strategico di una lunga colonna di truppe della milizia sciita irakena Kataib Hezbollah, uploadato su Youtube meno di 36 ore fa.Ve lo presentiamo col giusto orgoglio e inviando un sentito ringraziamento a chi di dovere: grazie ragazzi, voi sapete che senza il vostro aiuto questo blog non esisterebbe o, perlomeno, esisterebbe in una forma molto meno accattivante e interessante.

Lavrov, maestro di Diplomazia, sta per tirare fuori il coniglio dal cilindro: a Mosca accordo vicino tra Damasco e ribelli!

Il Ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, attualmente impegnato nella gestione del difficile negoziato iniziato a Mosca tra la delegazione governativa siriana e quelle organizzazioni di opposizione non pregiudizialmente contrarie a una 'soluzione politica' della crisi, ha detto che il suo paese è fiducioso che la Siria sarà nel prossimo futuro uno stato stabile, con la piena sovranità, l'integrità territoriale e di aspetto laico e secolare.

Kataib Hezbollah: la prima milizia sciita irakena ad avere a disposizione truppe corazzate?

Siamo riusciti a procurarci una formidabile immagine che proponiamo in esclusiva italiana al nostro attento e affezionato pubblico di lettori; in essa si vede chiaramente un carro armato americano M1 Abrams trasportato da un veicolo festonato coi vessilli del Kataib Hezbollah, milizia sciita filogovernativa irakena, responsabile di molte azioni che hanno ricacciato i tagliagole dell'ISIS lontani da Bagdad e da Samarra negli ultimi mesi.

Gli Editoriali del NYT: Manuali perfetti di Sinofobia Atlantista?

Recentemente ho avuto il piacere di tradurre questo articolo del "Quotidiano del Popolo" (organo del Governo della Cina Popolare) per gli amici di "Stato e Potenza"; pur non trattando a rigore di Medio Oriente lo ritengo interessante e illuminante -specie se messo in relazione con un'altra notizia che adatterò tra poco per queste pagine-, spero che possa risultarvi utile e interessante. Come al solito questo verrà indicato dalle frequenze di visite alla pagina relativa.
Nonostante il suo atteggiamento ostentato a proposito di ‘etica giornalistica’ l’americano New York Times (‘Tazebao della finanza mondialista di Wall Street e Manhattan’ – NdT) mostra una preoccupante tendenza ad assumere i peggiori vizi che intende denunciare e stigmatizzare negli altri, diventando, in certe occasioni, un outlet che evoca una ‘storia’ costruendola su una piccolissima parte di un panorama più grande, che trascura completamente di menzionare ai propri lettori.

mercoledì 28 gennaio 2015

ECCEZIONALI IMMAGINI offertevi da PALAESTINA FELIX sull'operazione di Hezbollah nelle Sheeba Farms occupate!!

Queste foto eccezionali che abbiamo l'onore e il piacere di mostrarvi dimostrano con chiarezza che non solo una jeep sionista é andata distrutta dai missili anticarro di Hezbollah, ma i mezzi colpiti e completamente calcinati sono almeno due, quindi possiamo dire che il bilancio di soldati sionisti eliminati è quasi sicuramente più alto dei quattro denunciati subito dopo l'azione dalle fonti sioniste.

Vortice di rivendicazioni e smentite sulla vendetta di Hezbollah: quanti i sionisti morti? Quattro? Quindici?

Riguardo al coraggioso attacco della Resistenza libanese contro la colonna di mezzi militari del regime ebraico nella zona delle Sheeba Farms, la cifra di quattro sionisti eliminati viene ripetuta solo dalle fonti di Tel Aviv; Al-Manar e altri siti dell'Asse della Resistenza dicono che i missili e le granate anticarro degli uomini di Hezbollah avrebbero completamente distrutto una jeep Hummer e danneggiato più o meno gravemente altri otto mezzi, eliminando quindici soldati delle forze di occupazione.

AGGIORNAMENTO:

Il regime giudaico inghiotte il suo fiele! Quattro sionisti eliminati dai razzi di Hezbollah!!

Con grande soddisfazione e giubilo annunciamo la rapida, letale risposta della Resistenza libanese che dal Sud del Libano ha colpito con una salva anticarro una colonna di mezzi militari del regime ebraico di occupazione eliminando quattro membri delle sue forze di occupazione.

Al-Houthi dichiara: "Potenze straniere vicine e lontane minacciano l'autonomia della nazione yemenita!"

Il capo dell'organizzazione yemenita Ansarullah, Abdelmalik al-Houthi, rivolgendosi alla popolazione, ha accusato potenze straniere regionali e internazionali di stare cospirando contro gli interessi della nazione e di stare cercando di far salire la tensione politica per giustificare i loro piani di frammentazione etnica e settaria, che permetterebbero loro di mantenere influenza e portare avanti i loro interessi (basati soprattutto sulla posizione strategica dello Yemen, prospicente il Golfo di Aden e vicino all'imboccatura meridionale del Mar Rosso).

Forze di sicurezza iraniane catturano 20 terroristi wahabiti nelle province Sudorientali del paese!

Fonti ufficiali iraniane hanno comunicato che le forze di sicurezza della Repubblica Islamica, con un'operazione congiunta accuratamente preparata, sono riuscite a bloccare e neutralizzare una cellula di estremisti wahabiti dell'organizzazione Jaysh ul-Adl, sussidiaria di Al-Qaeda. Venti membri del gruppo sono stati arrestati e stanno già venendo interrogati per rivelare i nomi di sostenitori e fiancheggiatori del gruppo.

Continuano le operazioni dell'Armee Libanaise contro i terroristi takfiri! Bombe su Wadi Rafeq e Qa'a!!

L'Esercito di Beirut, dopo la grande battaglia della collina di Hamra che ha visto otto militi dell'Armee cadere per difendere le posizioni minacciate da oltre cento estremisti takfiri, ha continuato le proprie operazioni nel Nordest del paese, tra Ras Baalbek e la Valle della Biqa, nel tentativo di scacciare i  terroristi dai loro covi e dai loro nascondigli.

Nuovo proditorio attacco sionista contro la Siria!

Il regime sionista di occupazione ha lanciato attacchi contro la porzione siriana del Golan nelle ultime ore. Secondo quanto riportato da fonti siriane almeno tre attacchi aerei sarebbero stati effettuati nei pressi di posizioni dell'Esercito di Damasco.

martedì 27 gennaio 2015

Alto ufficiale siriano visita Al-Hasakah per stabilire il piano di bonifica della provincia dai tagliagole dell'ISIS!

Sulla scorta della visita alla prima linea effettuata nel week-end dal Ministro della Difesa Al-Furaji (nella foto qui sopra) un alto ufficiale dell'Esercito Siriano ha attraversato le zone ancora infestate dai tagliagole dell'ISIS per raggiungere il capoluogo della Provincia di Hasakah. Una volta arrivato a destinazione l'inviato di Damasco ha incontrato i vertici delle forze armate locali, dei Comitati di Difesa Popolare NDF e delle tribù autoctone.

Fajr Libya non controlla più nemmeno Tripoli; sedicente "commando dell'ISIS" attacca l'Hotel Corinthia!

E' di otto morti il bilancio dell'attacco compiuto da un commando di uomini armati che hanno usato raffiche di mitragliatore e anche un'autobomba per disseminare di morti la hall e il parcheggio dell'Hotel Corinthia a Tripoli, nella porzione di Libia 'controllata' dai miliziani islamisti alleati di Erdogan e dell'Emiro del Qatar, riuniti sotto la sigla 'Fajr Libya'.

Patrioti irakeni a Mosul segnalano all'Esercito i luoghi in cui colpire l'ISIS, per aiutare la vittoria finale!

Il Presidente del Comitato Parlamentare Irakeno per la Sicurezza, Hakim al-Zamili, ha dichiarato che a Mosul, ultima grande città rimasta in mano ai tagliagole takfiri dell'ISIS operano gruppi scelti di ex-militari, ex-poliziotti e altri funzionari governativi che discretamente rilevano la posizione dei leader e dei combattenti estremisti e a grande rischio personale la segnalano ai comandi irakeni, che riescono così a programmare precisi e devastanti bombardamenti con jet, elicotteri e droni.

Corte egiziana rifiuta di definire Hamas 'organizzazione terrorista': soddisfazione a Gaza!


Il movimento musulmano di Resistenza Hamas ha accolto "con molta soddisfazione" la notizia che il Tribunale egiziano cui era stato chiesto di definire 'terrorista' l'organizzazione palestinese ha optato per ricusare la richiesta, citando sia la mancanza di prove in merito e anche la propria incompetenza giurisdizionale.

L'Iran si impegna ad aumentare l'esportazione di elettricità in Irak, Armenia e Azerbaijan!

Nella presente congiuntura economica, caratterizzata dal pesante deprezzamento del barile di petrolio, le compagnie elettriche della Repubblica Islamica si sono dichiarate preparate e interessate ad incrementare le esportazioni d'energia e di servizi tecnici e ingegneristici nel settore elettrico verso i paesi confinanti.

1985: Quando Demis Roussos e Imad Mugnyieh festeggiarono insieme a bordo del TWA 847

Mentre mezzo mondo si 'strappa le vesti' per un Greco piacione e sornione che secondo chi scrive riserverà parecchie amare sorprese a chi gli ha concesso il voto, questo nostro mondo travagliato si ritrova un po' più grigio e un po' più triste per essere stato abbandonato da un grande artista dalla profonda, vibrante anima mediterranea: Greca ed Egiziana e solare e salmastra come i riflessi dorati del mare che ci bagna e ci unisce tutti quanti siamo, affacciati attorno a questo bacino che é stato (ma può tornare a essere ancora), utero fecondo di Civiltà, Culture, Religioni, Mitologie e Imperi.
Parliamo, ovviamente, come si evince dalla foto in apertura, del grandissimo Demis Roussos, al secolo Artemios Ventouris Roussos, che balzò agli onori delle cronache musicali a partire dagli anni '60 come voce degli Aphrodite's Child, band in cui militava a fianco del cugino Evangelos O. Papathanassiou, poi diventato famosissimo come 'Vangelis' per i duetti con Jon Anderson e per le sue colonne sonore.

lunedì 26 gennaio 2015

ESCLUSIVA TRADUZIONE di PALAESTINA FELIX della NUOVA intervista del Presidente Assad a "Foreign Affairs"

Quella che segue è una ENORME intervista (57 domande e 57 risposte) che il Presidente siriano Bashir el-Assad ha rilasciato ieri a un reporter della rivista "Foreign Affairs". Abbiamo lavorato indefessamente per tradurla "in tempo reale", visto che é stata pubblicata solamente oggi. Ancora una volta, PALAESTINA FELIX, per saperlo meglio, per saperlo prima. 

Foreign Affairs: Vorrei cominciare chiedendole della guerra. Adesso sono quasi quattro anni che va avanti e lei certamente conosce le statistiche: duecentomila persone uccise, un milione ferite e tre milioni di profughi, secondo l'ONU. Le sue forze hanno subito gravi perdite. La guerra certamente non può andare avanti per sempre. Vede una fine all'orizzonte?

Bashar al-Assad: Tutte le guerre, ovunque nel mondo, sono finite con una soluzione politica, perché la guerra in sé e per sé non é una soluzione; la guerra, clausewitzianamente, é uno degli strumenti dell'agire politico. Quindi anche in questo caso finirà con una soluzione politica, é così che la vediamo, quello é il nostro scopo.

FA: Non pensa che questa guerra avrà una soluzione militare?

Il Ministro della Difesa di Assad visita il comando avanzato di Quneitra e apprezza i progressi fatti nella regione!!

Il Ministro della Difesa siriano, Generale Fahd Jassem al-Furaji ha fatto una visita alle truppe schierate nella zona di Quneitra, visitando un comando avanzato, apprezzando i risultati raggiunti nelle ultime operazioni, incontrando e incoraggiando soldati che si sono distinti in azioni di particolare valore.

Truppe irakene e Brigate Badr conquistano Shirwan, Muqdadiya, Bablan, Twakoul, Kaseeb e Masouriya!!!

Shirwan, Muqdadiya, Bablan, Twakoul, Kaseeb e Masouriya; questo é l'elenco completo di tutte le località liberate dall'Esercito Irakeno e dalle milizie sciite sue alleate, specialmente gruppi delle Brigate Badr, nelle ultime quarantott'ore. Una lista di successi che dimostra come ormai lo 'Stato Islamico' sia veramente alla frutta e non riesca più a prendere in mano il bandolo di una situazione militare che lo vede sempre più schiacciato e assediato in attesa che cada anche Mosul, la sua ultima piazzaforte significativa.

L'Armee Libanaise onora i suoi otto martiri e arresta altri 17 terroristi takfiri!!

Dopo l'operazione militare in difesa della collina di Hamra, nella zona di Ras Baalbek, dove un tentativo takfiro di conquistare la strategica altura con centinaia di uomini armati é stato affrontato e sconfitto, l'Armee Libanaise ha rivelato che le sue perdite nei combattimenti sono state di otto uomini, che hanno ricevuto tutti l'onore di un funerale militare. I terroristi uccisi nei combattimenti sarebbero 'almeno' una quarantina.

I media imperialisti, presi da 'frenesia anti-Houthi' cercano di prendere in giro il pubblico coi soliti trucchetti fotografici!!

Come in Libano dopo l'assassinio (sionista) di Rafik Hariri, i media occidentali cercano con trucchi insinceri e infantili di 'costruire' una situazione che non esiste e 'venderla' al loro pubblico superficiale e disinformato. All'epoca tv e giornali europei e americani ripresero con inquadrature 'strettissime' i magri raduni dell'Alleanza 14 Marzo, che a stento riuscivano a portare in piazza poche centinaia di persone, per tentare di far credere che si trattasse di adunate 'oceaniche'...quando poi Hezbollah e gli alleati dell'8 Marzo portarono in piazza oltre settecentocinquantamila libanesi (su circa cinque milioni di abitanti) il motto di quelle marce era "Zoom In, Zoom Out, No Problem!", a significare che per quelle adunanze non c'era alcun bisogno di limitarsi alle inquadrature 'ristrette'.

domenica 25 gennaio 2015

Ebreo razzista travolge bambino di cinque anni a Tulkarem! Buona 'giornata della memoria'!!

Mentre l'occidente ipocrita a totale controllo sionista si prepara alla lagnosa geremiade annuale sui 'poveri ebrei' (quest'anno "impreziosita", -udite udite!- da un 'documentario' del maestro della finzione orrorifica Alfred Hitchcock, evidentemente ritenuto troppo incredibile per venire proiettato subito dopo la guerra, ma giudicato ormai adatto ai palati grossolani dei boccaloni d'oggigiorno!) in Palestina prosegue indisturbato il VERO Olocausto, quello del Popolo della Cisgiordania, che viene sterminato a rate, un po' per volta, per non destare troppa attenzione.

Altri 117 terroristi takfiri eliminati da Esercito Siriano, NDF ed Hezbollah nel Sud della Siria!

Ancora aggiornamenti sulle azioni militari nel Sud della Siria, che dimostrano come questo settore sia entrato in una fase di fermento che speriamo decisiva per la completa eliminazione della minaccia terroristica in un'area strategica per la sua vicinanza alla capitale Damasco.

Obama dà l'ALT alle incursioni assassine dei droni sullo Yemen: un altro successo della Rivoluzione Houthi!

Fonti all'interno della Casa Bianca, riprese e confermate dal solitamente informatissimo Washington Post asserirebbero che uno 'stop' a tempo indeterminato sarebbe stato dato dallo Studio Ovale alle operazioni di assassinio via droni senza pilota che da oltre dodici anni gli Usa portavano avanti sullo Yemen con l'assenso prima del tiranno (ora deposto) Ali Abdullah Saleh e poi (dal 2011 in avanti) con quello del suo Vice Mansour Hadi, "promosso" Presidente alla cacciata del suo superiore.

Clamorosa reazione dei fedeli palestinesi alla Moschea di Al-Aqsa: cacciano a insulti l'imam che lodava Re Saoud!

Immaginate che nel Duomo di Milano, nella Cattedrale di Notre Dame o in quella di Westminster, nel bel mezzo del sermone, l'officiante venga rumorosamente contestato dai fedeli riuniti per la messa, che questi si alzino dai banchi con fare minaccioso e che costringano sacrestano, chierichetti e una sparutissima minoranza di fedeli a stringersi attorno all'oratore per scortarlo rapidamente al sicuro.