sabato 4 febbraio 2017

Decisa avanzata siriana nel Sud di Deir Ezzour! L'ISIS subisce gravi perdite!

Costantemente e intensamente sostenuti dall'intervento aereo massiccio dell'Aviazione Russa e di quella nazionale le unità delle forze siriane che difendono Deir Ezzour e il suo strategico aeroporto sono riuscite ad avanzare sensibilmente nella parte Sud della sua zona periferica e hanno continuato le loro operazioni vittoriose contro l'ISIS.

L'agenzia ufficiale SANA ha dichiarato che ormai il controllo siriano sulle colline dominanti nei dintorni della capitale provinciale é ormai completo e che la linea logistica takfira tra le Alture di Thardeh e gli assi di 'avanzata' ormai da settimane fermi davanti all'imprendibile campo trincerato governativo é del tutto stroncata.

Video di un raid di bombardamento strategico a Deir Ezzour!

Decollando da aeroporti della Russia meridionale i sei bombardieri strategici Tu-22M3 sono stati 'incontrati' da caccia Su-30 e Su-35 partiti dalla più vicina base di Hymemim appena entrati nello spazio aereo siriano e si sono poi dedicati a bombardare obiettivi dell'ISIS intorno a Deir Ezzour.

Quattro jet da trasporto russi fanno la spola tra Egitto e Siria: cosa bolle in pentola?

Ancora indizi e voci (per ora non totalmente verificate, anche se insistenti) su un progressivo coinvolgimento egiziano (perlomeno a qualche livello) nella guerra siriana contro il terrorismo takfiro.

SEMBRA e per ora NON POSSIAMO dire di più o fornire conferme più solide, che nelle ultime 48 ore un piccolo stormo di quattro quadrimotori da trasporto Il-76 dell'Aviazione Russa stia facendo la spola tra l'Egitto e Latakia, in Siria.

Nuovo video caricato sul Canale Youtube ufficiale di PALAESTINA FELIX!

Continuiamo la nostra politica di caricamento di contenuti "d'antan" sul canale Youtube ufficiale di PALAESTINA FELIX.

Questa volta torniamo ad Albenga nel Novembre 2015 con la prima parte "effettiva" della nostra conferenza "L'Intervento Russo in Siria".

L'ACCIAIO SOVIETICO NON MUORE MAI!!!! In Irak T-55 e T-72 di oltre 30 anni fa sono riportati alla vita contro l'ISIS!!!

Questo bellissimo filmato che abbiamo trovato su YouTube sul canale "StahlGewitter Syrien 2" mostra come, in una officina irakena, carri armati di produzione sovietica risalenti alla fine degli anni '70 e ai primi anni '80, venduti al Governo di Saddam Hussein, passati attraverso tutte le vicende del 1990, del 1991, del 2003 e oltre, siano faticosamente rimessi in grado di funzionare, per calcare "la cruenta polvere" ancora una volta, come i Mastini della Guerra del Giulio Cesare Scechspiriano.

La cosa buffa, é che questa volta i loro nemici sono i fanatici takfiri dell'ISIS, comandati, in moltissimi casi, proprio da ex-accoliti del burattino di Tikrit.

L'avanzata siriana "divora" all'ISIS 10 Km di terreno in direzione di Palmyra!

L'Esercito Siriano, coadiuvato dalle proprie milizie ausiliarie ed alleate è riuscito a liberare dalla molesta presenza takfira la maggior parte del Campo Gasifero di Hayyan, preso d'assalto e penetrato già nella giornata di ieri; la totalità dell'area non é ancora stata del tutto messa in sicurezza, ma l'operazione sembra sia andata avanti per tutta la notte e si attendono soltanto conferme ufficiali per poter dichiarare riconquistato l'intero campo.

venerdì 3 febbraio 2017

Ancora una volta i Tupolev russi non lasciano scampo all'ISIS attorno Deir Ezzour!


Lo squadrone di Tu-22 ormai semi-stabilmente "assegnato" a Deir Ezzour ha di nuovo colpito gli adepti del 'califfato' schiantando sul nascere il loro ennesimo attacco contro le postazioni difensive siriane.

I sei apparecchi (non é chiaro se siano sempre gli stessi o se invece vengano ruotati tra tutti quelli in forza allo stormo, anche se questa sembra la soluzione più plausibile) sono ancora una volta decollati dalla Russia del Sud, per poi raggiungere il corso dell'Eufrate attraverso i cieli di Iran e di Irak.

Attività dell'Esercito Siriano, specie della sua artiglieria tra il Sud di Hama e il Ghouta Est!

L'artiglieria dell'Esercito Arabo Siriano ha avuto una giornata impegnativa nelle Province centrali del paese, colpendo una varia serie di obiettivi riconducibili ai gruppi terroristici e takfiri e infliggendo loro gravi perdite.

Aqrab, in Provincia di Hama, nella parte meridionale del governatorato, é stata una delle località colpite in questa maniera: i takfiri vittima del bombardamento erano legati ad Al Nusra.

Arsenale di esplosivi e autobombe e deposito di carburante dell'ISIS distrutti a Sweida dai jet di Assad!

Un preciso e devastante 'raid' dell'Aviazione Siriana ha colpito posizioni e forze dell'ISIS nell'Est della Provincia di Sweida, nella Siria Sudorientale, distruggendo completamente un arsenale, esploso con tutti i suoi ordigni, e addirittura un deposito di carburante, che é detonato in maniera ancor più spettacolare, dando origine a un vasto incendio.
L'attacco ha avuto luogo a Sud di Beir al-Rasiei, vicino a Rashidiyeh, nelle esplosioni sono andati distrutti anche numerosi veicoli usati dagli adepti del sedicente 'califfato', principalmente da trasporto, ma alcuni anche da combattimento.

Dieci caccia multiruolo Sukhoi-35 in arrivo a Beijing entro la fine dell'anno!

Questo articolo a momenti verrà pubblicato anche sul quotidiano online L'Opinione Pubblica, col quale mi pregio di collaborare e dove i miei scritti sono tutti consultabili a questa pagina web.
La seconda "tranche" di caccia multiruolo Sukhoi-35 ordinati dalla Cina raggiungerà l'Aviazione dell'Armata di Liberazione del Popolo (PLAAF) entro la fine dell'anno.

L'ordine di 24 apparecchi verrà quindi completato nel 2018 con la consegna degli ultimi 10; i primi 4 jet infatti sono arrivati in Cina nel 2016. Il contratto, siglato nel novembre 2015, comprende la fornitura di motori, di parti di ricambio e di pacchetti di manutenzione, oltre ai 24 apparecchi.

Le forze siriane stanno cacciando l'ISIS dal campo gasifero di Hayyan, a 35 Km da Palmyra!

L'Esercito Arabo Siriano ha assaltato il Campo Gasifero di Hayyan già nelle prime ore di questa mattina, colpendo duramente e intensamente le postazioni dell'ISIS nelle pianure rocciose di Est Homs.

Con l'aiuto di un vasto supporto di artiglieria e di jet, sia russi che siriani, le truppe di terra di Damasco, tra cui il Battaglione Ghepardo della Forza Tigre e il Quinto Corpo Ausiliario si sono portate all'interno del Campo Gasifero già alle prime luci, mentre i takfiri dovevano ritirarsi abbandonando molte armi e materiali.

Nuovo video caricato sul canale Youtube: nostra intervista a IRIB rilasciata tre anni fa!

Siamo lieti di presentare al nostro affezionato pubblico questo secondo video caricato sul canale Youtube ufficiale di PALAESTINA FELIX.

Si tratta di un'intervista rilasciata dal vostro amabile caporedattore ai microfoni di IRIB Radio Italia (ormai da un po' di tempo trasformatasi in PARS Today), nella quale mi intrattengo a riflettere sulla mancanza di autorevolezza della politica estera italiana degli ultimi due-tre decenni (niente in confronto a quella brillante condotta dai grandi politici del passato, negli anni '60, '70 ma anche '80).

Il Ministro egiziano, Hamdi Abdelaziz, visita l'Irak per negoziare la fornitura di greggio che sostituirà quello saudita!

L'Egitto tranciando rapidissimamente i ponti che lo legavano all'Arabia Saudita (ponti costruiti dall'imbelle satrapo Mubarak negli anni '80 quando il Cairo forniva armi ex-sovietiche ai terroristi che da tutto il mondo musulmano infiltrato di madrasse wahabite pagate dai petrodollari sciamavano verso l'Afghanistan) si é esposto alla rappresaglia petrolifera dei principi imbecilli di Riyadh.

Vasta preparazione di artiglierie, mortai e razzi contro Khan Touman e Tal al-Eis!

Fin dalla notte si susseguono rapporti riguardanti un "vastissimo e intenso" fuoco preparatorio di artiglierie a tubo, mortai, lanciagranate e lanciarazzi di ogni calibro contro le località di Aleppo Ovest come Khan Touman e Tal al-Eis.
Siria Siria Siria Siria Siria Siria Siria Siria Siria
Ricordiamo che dopo la fortunatissima offensiva condotta tra novembre 2015 e gennaio 2016 dalle forze siriane sostenute da Hezbollah e da altri volontari sciiti, che liberò tutta la zona fino alle fattorie ICARDA e all'Autostrada M-5, in seguito i takfiri si erano riavvicinati alla capitale provinciale, rioccupando proprio come loro massima vittoria, la stessa Khan Touman.

L'ISIS fallisce nella riconquista di Tal al-Safa e ora sta per perdere pure la Base del Battaglione 559!

L'Esercito Arabo Siriano schierato sul Qalamoun ha dovuto affrontare un intenso attacco dei takfiri dell'ISIS che puntavano a riconquistare il Picco di Al-Safa, strappatogli di recente dall'avanzata governativa.

Ancora una volta é stato evidente come, in mancanza di completa sorpresa e di strabordante superiorità numerica le orde del 'califfato' non siano altro che una marmaglia in armi di drogati sbavanti e urlanti, del tutto inadeguata anche solo a impensierire i veterani siriani e i loro alleati di Hezbollah.

giovedì 2 febbraio 2017

Il Comando dell'Aviazione Russa progetta di inviare in Siria anche il Su-25M3!

Il contingente aereo russo attivo alla Base di Hymemim in Siria nella seconda metà dell'estate potrebbe arricchirsi di alcuni esemplari dell'avanzata versione -M3 del Sukhoi-25, il jet da attacco al suolo che ha rinverdito nei ranghi dell'Aviazione di Mosca la tradizione dell'Il-2 e dell'Il-10, i famigerati Carri Armati Volanti della Grande Guerra Patriottica.

Sette takfiri dell'ISIS ammazzati a Mosul da sconosciuti: furia popolare o "pulizia" della CIA?

Ancora cattive notizie, pessime, per l'ISIS, che ormai si ritrova a non essere sicuro nemmeno nelle sue "roccaforti" e non sempre per via di attacchi aerei o operazioni speciali siriane o irakene...a volte come all'ospedale Mayadin, basta anche solo la furia popolare, di cittadini che non hanno mai accettato o condiviso l'eresia takfira, a trasformare in zona pericolo quello che fino a poco prima era stato un dominio saldo e sicuro.

Diplomatico saudita condannato per violenza sessuale a Singapore!

Dopo otto giorni di dibattimento il Giudice Distrettuale Lee Poh Choo, del Tribunale Penale di Singapore ha condannato il 39enne impiegato d'ambasciata saudita Bandar Yahya al-Zahrani a tre mesi di reclusione, a una multa di 1500 dollari per subornazione di testimone e alla ben più grave pena di 10 anni di reclusione e a una fustigazione da decidersi per molestie sessuali.

Al-Zahrani che come tutte le scimmie saudite non sa quale differenza passi tra cameriera e prostituta, aveva violentato una ventenne impiegate dell'hotel singaporeano dove si trovava in vacanza e aveva poi cercato, offrendo denaro ai suoi colleghi e superiori, di tacitarne le denunce.

"Al Masdar News" ovvero: "Come fare una figura di merda al giorno"! (E a volte più d'una!)

Dopo giorni e giorni in cui l'Esercito Arabo Siriano tramite gli uomini del Generale Zahreddine e i Commando del Gruppo Qassam (integrati da miliziani NDF, Brigate Baath e volontari Shaytat) infliggevano dure batoste all'ISIS in tutta l'area del Cimitero e di Harabish, persino Leith Fadel e soci si sono dovuti arrendere e ammettere che in fondo in fondo il collegamento tra Deir Ezzour e l'Aeroporto Militare, non era in mano ai takfiri.

Naturalmente essi pretendono che sia "stato riconquistato" (e riconquistato lo é stato, solo, tipo una settimana fa), e rapsodizzano sul fatto che sia 'ancora minacciato dal controllo fuoco' dei terroristi.
Allora ci dovrebbero spiegare come abbiano fatto diverse centinaia di soldati con equipaggiamenti anche pesanti a venire trasferiti e sbarcati a Deir Ezzour per tutto questo tempo.

ABBIAMO REALIZZATO 5 MILIONI DI VISITATORI!!!! GRAZIE A TUTTI I NOSTRI LETTORI VECCHI E NUOVI!!!

Un milione di lettori (il quinto) in 94 giorni.

Fanno più di 10500 lettori al giorno.

Ed é quanto ci avete regalato in questi ultimi tre mesi e due giorni.

Ormai i ringraziamenti scritti non bastano più.

PALAESTINA FELIX é diventata una delle più grandi realtà di informazione indipendente, non allineata e anti-imperialista del Web in lingua italiana.

Dobbiamo crescere, dobbiamo espanderci.

Ora, (da stanotte), siamo anche su Youtube.

"Maiunagioia" per il 'povero' Leith Fadel e per lo "Zoo di 105" dei finti amici della Siria!

Grande delusione e costernazione nel serraglio dello "Zoo di 105", dei consumatori abituali di bufale fadeliane "Al-Masdar" e dei gourmands della Torta-Saker...infatti mentre ieri sera sembrava che l'ISIS fosse riuscito a recuperare il controllo di Rasm al-Sourhan, il villaggio poco tempo fa liberato dalla Forza Tigre (proprio in conseguenza di un fallito contrattacco del 'califfato') proprio durante la nottata gli uomini del Generale Souhail Hassan si sono premurati di vanificare il temporaneo 'successo' takfiro.

VIDEO ESCLUSIVO! Ouday Ramadan nominato rappresentante in Italia della Causa Siriana!

Chi legge PALAESTINA FELIX da lungo tempo sa che patrimonio di stima, affetto, ammirazione ci leghi all'amico Ouday Ramadan, che con noi ha condiviso conferenze, seminari, palchi e microfoni, che é organizzatore, animatore instancabile di iniziative a favore della Repubblica Araba Siriana in tutta Italia e oltre.
video

Abbiamo l'incredibile onore di essere I PRIMI AL MONDO a potervi rimandare questo video, inviatoci direttamente dalla Siria, dalla Provincia di Latakia, dove si vede Ouday Ramadan, a fianco di Ali Kayyali / Mihraç Ural leader della Resistenza Siriana, il gruppo dedicato al ritorno di Hatay/Alessandretta alla patria siriana, che dal 2011 é in armi contro le orde takfire.

mercoledì 1 febbraio 2017

E poi ci sono quelli che: "Eh, onore a Saddam Hussein, lui era anti-imperialista!"

Servono parole per commentare quest'immagine?

Chi mi legge da tanto tempo sa benissimo che questo blog é pro-Palestina, pro-Asse della Resistenza, pro-Hezbollah, pro-Siria, pro-Iran.

Chi mi legge da tanto tempo sa che considero Saddam Hussein il più grande burattino americano della storia mediorientale.

Chi ha ascoltato le mie conferenze sa, perché ho citato la cosa più di una volta, che Saddam Hussein venne arruolato dalla CIA nel 1959 come parte del team di sei uomini che dovevano assassinare Abdel Karim Qassem.

Queste non sono mie invenzioni, o teorie cospiratorie, sono fatti apertamente ammessi e confermati dagli stessi interessati, come ad esempio Miles Copeland.

Ovviamente la Guerra Civile Takfira é mirata a "punire" la Turchia per i suoi accordi con Russia e Iran!

E' ormai chiaro e ovvio che dietro alla Guerra Civile Takfira che imperversa nel "Pianeta delle Scimmie" (quella parte di Idlib e di Aleppo Ovest ancora controllato dai primati terroristi) c'é la volontà di Arabia Saudita e UAE (massimi sponsor dei wahabiti di Al Nusra) di "punire" la Turchia per il suo dietro-front concretato ad Astana, che ha privato i takfiri in Siria di un importante alleato subito oltre il confine.

Agguato delle forze siriane dietro le linee di Jaysh Islam uccide diversi terroristi nel Ghouta Est!

Nel Ghouta Est ormai tutto l'apparato difensivo dei takfiri non riesce più ad arginare le iniziative delle forze governative, che in più punti, spostando le loro riserve, creano situazioni di superiorità semplicemente inaffrontabile per le magre schiere delle varie sigle estremiste.
Se ne é avuta conferma anche ieri, quando le forze combinate di Guardia Repubblicana, volontari palestinesi, milizia NDF di Damasco hanno scatenato un agguato contro una colonna di takfiri di Jaysh Islam che si stavano spostando dietro le loro linee nei pressi della cittadina di Riyhan.

Tra Al-Samdaniyeh ed Arnabeh l'Esercito Siriano elimina 30 terroristi di Al Nusra!

Decine e decine di terroristi wahabiti del fronte Al Nusra, più formazioni alleate minori, partiti dalla cittadina di Umm al-Bataneh, hanno tentato di dare l'assalto alle posizioni governative nell'area di Al-Samdaniyeh al-Sharqi, vicino a Khan Arnabeh.

E' da diverso tempo che Al Nusra non tentava assalti nella Provincia di Quneitra, ma la lunga pausa non é servita a migliorare le capacità operative dei terroristi filosauditi, che fin dall'inizio del loro attacco hanno cominciato ad accumulare perdite su perdite.

Aerei, elicotteri e artiglieria siriana distruggono convogli di rinforzi dell'ISIS da Raqqa verso Al-Bab!


Uno dei motivi per cui l'ISIS contro le avanzanti forze siriane non riesce a lanciare nemmeno la più timida controffensiva sta nel fatto che  le sue risorse nell'Est della Provincia di Aleppo non bastano quasi più neppure a tenere i Turchi fuori da Al-Bab e ad ancorarsi a Deir Hafer.

Per questo motivo una delle urgenze maggiori dell'ISIS é proprio quella di drenare risorse dai fronti di Palmyra, di Khanasser, di Deir Ezzour e, in tutta fretta, farle arrivare nelle zone minacciate, appunto, di Al-Bab e Deir Hafer.

Non tutti i militanti di Nour al-Din al-Zinki accettano la 'fusione' con Al Nusra!

Notizie dal "Pianeta delle Scimmie" confermano che un certo numero di takfiri dell'organizzazione Nour al-Din Al-Zinki hanno abbandonato i compagni portandosi dietro armi, equipaggiamenti e denaro, defezionando verso le linee tenute da Ahrar Sham e dai suoi alleati.

Leader dell'ISIS viene atomizzato da bomba di precisione ad alta penetrazione!

Una bomba anti-bunker di altissima precisione e capacità di penetrazione, collocata sull'obiettivo da un Sukhoi dell'Aviazione Siriana, ha posto termine definitivamente alla carriera di tagliagole di Muthanna al-Haj, sedicente "emiro" dell'ISIS, che si trovava nei dintorni di Al-Bab insieme alle sue fidate guardie del corpo e ai suoi collaboratori più stretti.

martedì 31 gennaio 2017

A Deir Ezzour decisa avanzata delle forze governative!



I geopolli nutriti a 'torta-Saker', come genialmente la chiama un nostro caro amico, i membri dello 'Zoo di 105' sempre pronti a ragliare, bramire e cinguettare contro i Generali Siriani e i loro alleati, i giuliettochiesisti e duginisti di ogni sorta, continuano a diffondere assurde mappe di Deir Ezzour con la parte governativa divisa in due.

Intanto però anche il loro vate della CIA, Leith Fadel, sul portale di Disinformatsiya 'grigia' Al Masdar é costretto a malincuore ad ammettere che le forze siriane schierate sulla riva dell'Eufrate stanno facendo progressi (grazie anche al costante supporto aereo russo) e stanno riprendendo zone rimaste per gli ultimi 20 giorni sotto il tallone dell'ISIS.

Nel Ghouta Est massiccia offensiva siriana contro le postazioni di Al Nusra!

Nel Ghouta Est le forze governative siriane hanno condotto una vasta offensiva contro i terroristi che ancora occupano parte dell'area, in particolare contro le loro posizioni a Nashabiyeh ed Harasta.

Bombardamenti e assalti di fanteria si sono succeduti per varie ore, in particolare contro gli avamposti e le basi dell'organizzazione wahabita di Al Nusra, contro cui i Siriani, stante la sua posizione inconciliabile a ogni dialogo, sembrano voler concentrare gli sforzi, per poi condurre a più miti consigli le formazioni minori.

Continua la Guerra Civile Takfira: Al Nusra strappa posizioni ad Ahrar Sham a Dar al-Izza!

Mentre in Provincia di Idlib, dove é decisamente più forte, Al Nusra sta consolidando i propri assetti e rafforzando le proprie posizioni, in Provincia di Aleppo (quella piccola parte ancora per adesso occupata dai takfiri) sta espandendo il proprio controllo, specialmente ai danni di Ahrar Sham.

Secondo quanto rivelato in un comunicato via Twitter dal terrorista Ahmad Mohammad Njib (strano come questi terroristi abbiano account Twitter sempre disponibili e non vengano loro chiusi, mah...) Al Nusra e Nour al-Din al-Zinki hanno attaccato insieme le posizioni di Ahrar Sham a Dar al-Izza, conquistandole e confiscando anche numerosi veicoli.

Nostalgia Takfira! "Amarcord" dei bei tempi quando anche Hezbollah "tradiva Assad"!

Siamo lieti di presentarvi il vintage, la Sehnsucht e la Nostalghia, un piccolo screenshot del tempo che fu, quando, in corrispondenza di un breve e fugace successo, i sostenitori dei takfiri, tutti ringalluzziti, preconizzavano il prossimo abbandono della Siria da parte di tutti i suoi alleati, con particolare goduria tantopiù quanto questi alleati erano stati in passato fedeli e legati a Damasco.

Qui vediamo un post twitter di uno di questi geni che addirittura ipotizza che Hezbollah e Assad fossero in rotta di collisione e Nasrallah "si rifiutasse" di mandare i suoi combattenti ad Aleppo (evidentemente non sapendo che uomini di Hezbollah erano ad Aleppo da BEN PRIMA del 2015!).

La Forza Tigre blocca un attacco dell'ISIS e libera Rasm al-Surhan!

I commando della Forza Tigre, in prima linea fin dall'inizio dell'offensiva siriana in direzione di Al-Bab e Deir Hafer, si sono resi protagonisti di un nuovo successo nella giornata di lunedì, quando sono riusciti a bloccare, respingere e poi contrastare un tentativo dell'ISIS di tornare a controllare il villaggio di Madyounah.

L'offensiva dell'ISIS fin dall'inizio é andata male, costando la vita di 25 militanti senza la minima avanzata e, con la concentrazione di artiglieria e lanciarazzi richiesta e presto ottenuta dal locale comandante della Forza Tigre, ben presto i seguaci del 'califfato' hanno dovuto battere in ritirata.

Missile yemenita DISTRUGGE una fregata saudita al largo delle coste occidentali del paese!

Questa ECCEZIONALE testimonianza video ci é stata segnalata dall'amico Alessandro Lattanzio e noi siamo più che felici di poterla riproporre al nostro affezionato e fedele pubblico.

In essa vediamo una fregata saudita "classe Medina", in realtà costruite dai francesi "Arsenal de Marine" tra il 1985 e il 1986, riportare enormi danni all'impatto di un missile, probabilmente un "Silkworm" cinese, che, pur non affondandola la lascia completamente inabile a qualunque compito bellico.

Cinquanta terroristi dell'ISIS eliminati mentre fuggivano da Mosul verso Deir Ezzour! Foto esclusiva!

A pochi chilometri da Tal Afar una colonna di takfiri dell'ISIS che stavano fuggendo da Mosul per tentare di passare il confine e rifugiarsi nella provincia siriana di Deir Ezzour é stata individuata, intercettata e distrutta dalle forze di mobilitazione popolare irakena.

Le 'terribili milizie sciite' così definite da pennivendoli e mentitori di professione come mentana e la nana feroce goracci, sono state una volta tanto veramente "terribili" nel senso che hanno sterminato tutti i componenti del gruppo, uccidendo cinquanta terroristi.

lunedì 30 gennaio 2017

Nuovi bombardamenti strategici dei Tupolev russi contro l'ISIS!

Per la terza volta in meno di dieci giorni l'Aviazione Russa é tornata a far tuonare i propri potentissimi Tu-22M3, facendoli decollare da basi sopra il Caucaso e facendoli volare sopra l'Iran e sopra l'Irak prima di far loro scaricare le bombe su obiettivi dell'ISIS attorno a Deir Ezzour.

Dozzine di bombardamenti aerei siriani contro Al Nusra nel Nord di Hama!

Massicci raid aerei sono stati condotti dall'Aviazione Siriana contro le concentrazioni di forze di Al Nusra nella parte settentrionale della Provincia di Hama, in particolare contro Lataminah, Kafr Zita, Al-Lahaya e Taybat al-Iman, con dozzine di terroristi uccisi.
Questa raffica di bombardamenti fa immaginare che presto anche le forze di terra potrebbero muoversi e mettere sotto ulteriore pressione i militanti wahabiti stanziati nell'area.

Altri tre "terroristi favolosi" arrestati dalle forze irakene: cercavano di fuggire da Mosul vestiti da donne!

Altri "terroristi favolosi", takfiri vestiti in panni femminili, sono stati bloccati e arrestati, questa volta dalle truppe irakene che stanno finendo di ripulire la parte liberata di Mosul da ogni ultimo residuo della presenza dell'ISIS.

Decapitazioni a raffica tra le fila dell'ISIS a Mosul: i takfiri non ci tengono a combattere l'ultima battaglia!

Fonti del Ministero degli Interni irakeno affermano che l'ISIS abbia comminato (e immediatamente eseguito) una serie di sentenze capitali per decapitazione a diversi membri (sembra nove) delle sue brigate combattenti schierate a Mosul.
Infatti i condannati si apprestavano a fuggire prima che le truppe irakene lanciassero l'assalto alla parte occidentale della città.

Oltre 5000 militari siriani possono venire ricollocati dopo la liberazione di Wadi Barada!

All'incirca cinquemila uomini, l'equivalente di una piccola divisione o di un gruppo da battaglia, saranno ben presto ricollocabili in altre zone della Siria in conseguenza della completa liberazione di Wadi Barada, la vallata acquifera a Nord-Ovest di Damasco.

Questo dimostra come ogni nuova vittoria delle truppe governative aumenti le risorse a disposizione da dedicare alla liberazone di nuove aree, mentre sottrae spazio, profondità, risorse ai terroristi takfiri.

In particolare le unità che sono state "liberate" dal recente successo di Wadi Barada fanno parte della Guardia Repubblicana, della 3a Divisione Corazzata e della milizia Scudo del Qalamoun.

I combattenti yemeniti uccidono il comandante in seconda delle forze saudite a Bab el-Mandeb!

Fonti militari hanno dichiarato che il comandante in seconda della coalizione a guida saudita che sta aggredendo lo Yemen é rimasto ucciso nel corso di scontri con le forze dei Comitati Popolari nella Provincia di Bab el-Mandeb.
Il nome dell'ufficiale era Saeed al-Samati al-Sabihi.

Egli seguiva Heisam Qassem Taher nella catena di comando della cosiddetta "Operazione Freccia Dorata" (nome convenzionale dell'Invasione dell'Ex-Arabia Felix).

domenica 29 gennaio 2017

A Jabal Thardeh le "bombe intelligenti" degli aerei di Putin eliminano almeno trenta takfiri dell'ISIS!

Oltre una trentina di takfiri dell'ISIS hanno trovato la morte in un raid di precisione condotto da apparecchi dell'Aviazione Russa che hanno colpito le alture di Jabal Thardeh vicino all'Aeroporto Militare di Deir Ezzour con munizioni guidate.

I terroristi si stavano radunando per un possibile attacco contro lo scalo.

Secondo fonti terroriste almeno 200 takfiri sarebbero morti a Deir Ezzour e dintorni nelle ultime due settimane, durante scontri e battaglie che hanno allentato la morsa stretta dall'ISIS attorno alla città sull'Eufrate e in particolare intorno al suo aeroporto.

Combattimenti intensi e attacchi aerei notturni mettono in crisi il 'Daash' attorno a Deir Ezzour!

Le forze di terra che difendono Deir Ezzour dall'accerchiamento dell'ISIS hanno combattuto tutta la notte mettendo a frutto la loro superiore disciplina e organizzazione, continuando ad infliggere perdite alle bande takfire e ad allontarnarle dalla zona del Cimitero e nell'area di Jonayd.

Anche i jet non sono rimasti inutilizzati, colpendo basi, avamposti e arsenali dell'ISIS nei  quartieri di Huweiqa, Al-Kanamat, Al-Arzi e Al-Mohandeseen e nel villaggio di Marat, nei pressi dell'area di Koniko e ad Est di Deir Ezzour.

Offensiva corazzata siriana libera la cima di Tal al-Dab al-Sharqi nel Qalamoun!

La Terza Divisione Corazzata dell'Esercito Arabo Siriano ha scatenato una violenta operazione nella piccola parte di Qalamoun ancora infestata dai takfiri dell'ISIS, insieme a reparti della locale milizia "Scudo del Qalamoun" che hanno fornito diverse centinaia di uomini.

Diverse colline e alture sono state liberate nel corso della giornata di ieri mentre secondo una fonte militare che da Damasco ha rimandato un riassunto dell'operazione Tal al-Dab al-Sharqi é stata la vetta più importante liberata nel corso della stessa.

Le sorgenti di Wadi Barada sono completamente in mano alle forze siriane!

Dopo 48 ore di combattimenti finalmente le sorgenti di Wadi Barada, importantissime per l'approvvigionamento idrico di Damasco, sono state liberate dalle forze dell'Esercito Arabo Siriano e in particolare dalla 4a Divisione Meccanizzata del Generale Maher Assad. In queste foto possiamo condividere la soddisfazione e l'entusiasmo dei soldati vittoriosi che si sono fatti ritrarre con sullo sfondo cisterne e reservoir appena liberati.
Era dalla fine di dicembre che centinaia di migliaia di persone nella capitale siriana erano ridotte a mezzi di fortuna per procurarsi il minimo di acqua necessaria alle esigenze quotidiane, per fortuna la rapida azione delle forze armate ha posto fine a questa emergenza.

In Provincia di Idlib Al Nusra si concentra in alcune zone, aspettando gli attacchi degli altri takfiri!

Il Fronte wahabita Al Nusra dopo che molti gruppi minori takfiri si sono schierati coi suoi rivali di Ahrar Sham ha iniziato a concentrare le proprie forze in alcune aree della Provincia di Idlib, in preparazione di azioni più massicce e coordinate contro le proprie basi.

Nella mappa qui sopra si vedono in verde scuro le zone più interessate dalla presenza dei terroristi filosauditi, in particolare sulle facilmente difendibili alture di Zawiyah, dove ogni presenza di Ahrar Sham e altri gruppi affiliati é stata cancellata da una campagna di distruzione particolarmente accurata.

Con missili e incursioni soldati e combattenti yemeniti mantengono la pressione sugli sgherri di Casa Saoud!

Tre missili balistici yemeniti hanno colpito la base militare saudita di Baialin nella Provincia di Najran, uccidendo e ferendo molti militari di Riyadh e distruggendo i loro equipaggiamenti e una notevole quantità di munizioni.
"In conseguenza dell'attacco Baialin non esiste più come struttura militare" hanno informato fonti militari di Sanaa nella giornata di ieri. In uno sviluppo correlato sempre ieri forze popolari yemenite integrate da personale dell'Esercito hanno respinto un tentativo di penetrazione saudita nella regione di Taizz, in particolare nelle zone di Al-Jadid, Al-Kadaheh e Al-Khazra.