giovedì 12 giugno 2014

Siria e Iran si mobilitano in soccorso dell'Irak: messaggio accorato del leader sciita Moqtada al-Sadr!!

Il Presidente siriano Assad, alla notizia dell'offensiva terroristica in atto nella parte settentrionale dell'Irak ha immediatamente aperto i canali con il Governo di Bagdad esprimendo solidarietà e dichiarando fin da ora la disponibilità della Siria a cooperare "in qualunque modo" con le istituzioni dello Stato vicino per affrontare la minaccia incombente.

"I movimenti terroristi che stanno colpendo l'Irak sono gli stessi che hanno operato in Siria negli ultimi anni: unire gli sforzi per batterli definitivamente é un imperativo morale". Anche da parte iraniana, peraltro, non si sono fatte attendere reazioni agli avvenimenti irakeni: il Generale Suleimani, capo della 'Niruye Qods' dell'IRGC, si troverebbe già in contatto coi colleghi irakeni cui avrebbe espresso la prontezza a fornire tutto il sostegno necessario nelle operazioni di bonifica dell'area di Mosul.



Anche il leader religioso Moqtada al-Sadr, già figura ispiratrice della milizia "Esercito del Mahdi" che anni addietro diede filo da torcere agli occupanti americani, ha invitato la popolazione sciita a mobilitarsi per la difesa dei luoghi sacri della propria fede, sull'esempio di quanto successo in Siria presso il santuari di Sayyida Zeinab e a Samarra, recentemente attaccata dai takfiri che sono stati però messi in fuga dalle milizie popolari locali.

16 commenti:

  1. Giusto unirsi per difendersi ma è ora di portare guerra a CASA del NEMICO: destabilizzare Bahrein, Arabia Suadita, Giordania ed accendere le miccie in Golan e a Gaza...... Altrimenti si è sempre passivi! Federico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. " destabilizzare Bahrein, Arabia Suadita". Capirai che novità, è dagli anni novanta che l'iran cerca di destabilizzare il bahrain. Comunque ormai iran e USA non cercano nemmeno di mascherare la loro aperta cooperazione: gli americani stanno per trasformare l'iraq (per la seconda volta) in un secondo afghanistan...solo per salvare il culo al loro pupazzo (che probabilmente non è mai stato in pericolo veramente).

      Elimina
    2. Ti brucia il culo eh takfiro?

      Elimina
    3. Mi dispiace solo per quei poveri bambini che verranno sgozzati e bruciati vivi nell'anbar e nella provincia di ninive solo perché si chiamano Omar o Aisha, visto che al maliki ha sguinzalliato i cani del mahdi army e delle brigate badr. Si ripeterà ciò che è accaduto tra il 2004 ed il 2008 quando gli squadroni della morte di moqtada e al hakim sezionarono, stuprarono, e uccisero decine di civili innocenti.

      Elimina
    4. Non è certo colpa degli sciiti se il sunnismo è sostenuto dalla parte più corrotta e marcia del mondo arabo (Qatar, Arabia Saudita, etc.) e fa il gioco dei sionisti: Al Qaida non ha MAI attaccato Tel Aviv, ma solo Siria, Iraq, Libia, etc..... Che caso! Federico

      Elimina
    5. E' naturalmente un caso...;)

      Elimina
  2. la figlia di sadda ha dichiarato di volere rgarsi in daash nella regione di anbar.
    e anche ringraziato di Arabia saudita, qatar, emirati per aoggio che danno al daash.
    vole essere la prima donna in daash.
    secondo me è tarti un po, per che la jihad nikah da 2011 che fanno e adesso stiamo 2014.
    vv la vittoria.

    RispondiElimina
  3. Spero tanto che la Siria, l'iraq e l'Iran riescano a sconfiggere questi assassini dell' ISIL una volta per tutte ! Più i giorni passano, più innocenti muoiono a causa loro !

    RispondiElimina
  4. un proverbio iraniano dice che la serpente viene ammazzato nella casa sua, cioè in saudita.

    RispondiElimina
  5. Ha ragione Federico! ben detto . Bisognerebbe portare la guerra in Israele,e Arabia.

    RispondiElimina
  6. Ecco tikrit riconquistata...decine di soldati dell'esercito di al maliki arrestati dai ribelli.
    http://m.youtube.com/#/watch?v=vlhre1pb-dM

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo che ha lasciato il video è un sionista di merda! pensa che anche loro stazionano su questo blog. Cmq non cantare vittoria,hai dimenticato la lezione 2006,la Siria (Bashar cadrà tra un mese) .. possiate voi usurai schiattare al piu' presto.

      Elimina
  7. io ho visto film.secondo me la gente arrestata nn centravano nulla. gli hanno prelevato dalle loro casa.
    nessuno va combattere con la ciabatta.
    vv la vittoria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A Baiji, a mosul e in altre zone i soldati governativi hanno abbandonato armi e divise e si sono arresi. In altre zone hanno lasciato le divise in strada e sono scappati.

      Elimina
    2. Le zone di Al-Wahda, Al-Quds e Al-Tahrir a Mosul sono già tornate in mano alle forze regolari...

      Elimina
  8. .. A Tikrit, grazie anche a qualche drone americano... Qui, però, con la vecchia teoria del complotto sionista non ci si capisce più un cazzo ... Non ha senso dire che i sionisti pagano i takfiri per invadere l'Iraq, e gli yankee devono poi bombardare i takfiri pagati dai primi; ancora, che senso ha dire che i turchi sostengono l'Isil, quando questi rapiscono e/o uccidono camionisti e diplomatici turchi? ... La situazione e' troppo contorta: sembra che ci siano 5/6 gruppi in guerra tra loro, ognuno dei quali persegue scopi molto diversi, con alleanze che cambiano dal giorno alla notte!

    RispondiElimina