mercoledì 28 giugno 2017

PRESTO qualcuno avverta Netanyahoo! I takfiri dell'ISIS a Mosul HANNO FINITO LE SCORTE DI PANNOLONI!

Ormai a Mosul resteranno attivi qualcosa come 100 terroristi dell'ISIS.

Al massimo centoventi.

La porzione di Città Vecchia da loro controllata é pari esattamente a UN CENTESIMO della superficie totale del capoluogo di Ninive.

Nuovi riferimenti da parte yemenita al nuovo tipo di arma (missile?) usato contro la nave saudita al largo di Mocha!



L'attacco yemenita a una nave degli invasori sauditi che incrociava al largo del porto di Mocha, di cui abbiamo dato notizia giorni addietro, continua a costituire motivo di interesse per osservatori e analisti strategici...

...sembra ormai certo che il missile usato per colpire e danneggiare il vascello saudita (che era carico di mercenari somali e sudanesi da sbarcare sulla costa) non fosse assolutamente un 'Silkworm'.

Sardasht 1987, quando agli Americani non importava un accidente degli attacchi chimici (veri!)!!

Come cambia l'atteggiamento delle banderuole a stelle e strisce, a seconda dei loro interessi imperialisti!

Adesso il Dipartimento di Stato USA (che é praticamente la più grande centrale del terrore presente sulla faccia della terra), "avverte" che "se ci saranno attacchi chimici in Siria" ci sarà un intervento militare.

Quando però 30 anni fa le armi chimiche in Medio Oriente le usava il loro PUPAZZO SCEMO Saddam Hussein, tutto andava bene!

Ovvio! ERANO STATI GLI STESSI USA A DARGLIELE!

Ecco la differenza che passa tra un GRANDE LEADER e un insicuro pagliaccio!

Il Presidente Assad viaggia per la Siria.

Lo fa al volante della sua auto e si ferma a ogni posto di blocco (questo anche per dare l'esempio visto che ultimamente aveva suscitato scandalo l'abitudine di certi ufficiali governativi o militari di circondarsi di guardie del corpo e di ignorare i posti di blocco).

Assad é rilassato, tranquillo, é tra la sua gente e ne riceve la solidarietà e l'apprezzamento.

Non é in ansia anche quando sa benissimo che tutti gli uomini al posto di blocco hanno armi da fuoco cariche a portata di mano.

martedì 27 giugno 2017

FACCIAMOCI UNA RISATA!!! Ecco Bashir al-Assad che parte per bombardare personalmente orsetti e cagnolini coi suoi terribili BBARILI KIMICI!!!!

CONDIVIDETE QUESTO ARTICOLO SU FACEBOOK E SU ALTRI SOCIAL (Twitter, VKontakte...)

Gli F-16 di Al-Sisi distruggono una colonna di 12 veicoli dell'ISIS che cercava di infiltrarsi in Egitto dalla Libia!

Il grande timore del Presidente Al-Sisi é quello che i takfiri dell'ISIS, venendo sconfitti e scacciati dalla Libia, possano infiltrarsi oltre il poroso confine desertico tra i due paesi e impiantare basi e covi nelle zone desolate dell'Egitto occidentale.

La cosa stava quasi per succedere oggi quando una colonna di automezzi si apprestava ad attraversare il confine provenendo dalla Libia.

Il Presidente Assad visita la base aerea russa di Hymemim in Provincia di Latakia!

Come abbiamo già documentato il Presidente siriano Assad é in questi giorni impegnato a viaggiare tra varie località, a dimostrare il suo affetto e la sua vicinanza a tutte le parti del paese: quelle di recente liberate dai terroristi e quelle che fortunatamente non li hanno mai visti arrivare.

Queste foto lo ritraggono impegnato a visitare la base aerea russa di Hymemim, appena fuori Latakia.
Nel primo scatto lo vediamo osservare un blindato aeroportabile BMD-3.
Quindi si sposta ad osservare un massiccio IFV BMPT "Terminator".
Il Terminator, ricavato da uno scafo di T-72 potrebbe essere una buona scelta per equipaggiare in futuro le unità blindate della Guardia Repubblicana, visto che BMP-2 (e forse anche BMP-3) arriveranno -come annunciato su queste pagine- in gran numero a sostituire BMP-1 e altri veicoli più vecchi nelle unità di prima linea.

PUNTUALMENTE, le forze siriane sfondano le posizioni dell'ISIS e liberano oltre 350 Km quadrati a Sud di T-3!!

Aggiornamento in tempo reale dall'estremo Est della Provincia di Homs.

L'attacco siriano contro Bir Bayyud e Bir Jufaif ha avuto completamente successo, dozzine e dozzine di terroristi sono stati eliminati e i sopravvissuti sono dovuti fuggire disordinatamente verso Bir Assi e Bir Baytarah.

Le forze governative hanno potuto liberare circa 375 Km quadrati di territorio, tra l'altro mettendo ulteriormente in sicurezza la Stazione di Pompaggio T-3.

COMUNICATO IMPORTANTE: "Né Usa né israhell possono ormai rovesciare la situazione: i loro amici terroristi stanno crollando ovunque!"

OGNI VOLTA CHE L'ESERCITO ARABO SIRIANO OTTIENE IMPORTANTI VITTORIE O AVANZATE USA E ISRAHELL ARRIVANO A DARE UNA MANO AI TERRORISTI PER CERCARE DI EVITARNE LA DISFATTA.

ORMAI PERO' NON HA PIU' IMPORTANZA, LA SITUAZIONE DEI TAKFIRI SI E' TROPPO DETERIORATA, NESSUNA MISURA DI AIUTO AMERICANO O SIONISTA PUO' RIBALTARE QUESTA REALTA'.

Infuriano i combattimenti a Sud di Arak e presso la direttrice occidentale di accesso alla Stazione T-2!

In un disperato tentativo di bloccare la rapidissima avanzata che le forze siriane stanno conducendo in direzione della Stazione Pompaggio T-2 provenendo dalla T-3 (avanzata che praticamente non aveva ostacoli visto che stupidamente i takfiri dell'ISIS avevano ritirato quasi tutte le loro forze da Ovest per schierarle di fronte alle truppe governative avanzanti da Sud-Sud-Est) i terroristi cercavano di abbandonare le loro posizioni a Bir Jufaif e Bir Bayyud per ripiegare e riposizionarsi attorno a Humaymah.

Prime testimonianze dell'esistenza di un "Hezbollah Centroasiatico", in esclusiva su PALAESTINA FELIX!

Chi segue PALAESTINA FELIX, lo abbiamo ripetuto tante volte e crediamo di averne dato sufficiente prova nel corso degli anni nei quali ci siamo impegnati a costruire questo snodo di informazione libera e indipendente, ha una posizione privilegiata per potere osservare non solo gli avvenimenti ATTUALI della situazione politico-strategica nel Mondo Arabo e nel Medio Oriente, ma anche per venire messo a vento dei PROSSIMI PROBABILI sviluppi futuri della stessa.

La sacca di Jobar sul punto di venire spezzata e isolata dal resto del Ghouta Orientale!

Ancora una volta le ostilità si sono riaccese intorno al quartiere di Jobar, "saliente" aggettante al di fuori della sacca del Ghouta Orientale, completamente circondato dalle forze siriane.

Intensi scontri sono stati riportati intorno all'asse di Taybah e al Ponte di Zamalka.

Le linee dei terroristi stanno cedendo, specialmente nella parte Nord e Nord-Ovest del corridoio che ancora unisce Jobar al resto del Ghouta Est.

Il sottomarino Yurji Dolgorukiy lancia un missile intercontinentale "Bulava" dal Mar di Barents alla Kamchatka!

Il sottomarino nucleare di quarta generazione "Yurji Dolgorukiy", parte della Flotta del Nord della Marina Russa ha lanciato con successo un missile intercontinentale "Bulava" da Mar di Barents al poligono missilistico di Kura, in Kamchatka.

Lo ha comunicato il Ministero della Difesa russo in un comunicato diffuso nelle scorse ore.

Secondo la dichiarazione il lancio é avvenuto col vascello in completa immersione, secondo quanto stabilito dal piano di addestramento al combattimento; lo scopo dell'esercitazione era proprio quello di verificare il comportamento del missile dopo un lancio sottomarino, visto che lanci di prova col battello in emersione erano già stati effettuati con successo.

lunedì 26 giugno 2017

ABBIAMO SOLO UNA PAROLA PER I NOSTRI FEDELI E AFFEZIONATI LETTORI: "GRAZIE"!!!!

Poco più di tredici ore fa chiedevo ai nostri lettori di farci superare coi loro "like" su Facebook la soglia dei "mille".

Come da foto, mancavano cinquanta "clic" al traguardo.

Adesso siamo a MILLE E UNO.

Cinquantun like in tredici ore e dodici minuti.

Considerando che per i precedenti 950 c'erano voluti diversi anni visto che non credo nelle "campagne Facebook" e penso che un sito "gonfiato" da accessi via social non abbia 'spessore' e valore sul lungo periodo.

Ma sono rimasto IMPRESSIONATO di come vi siete letteralmente PRECIPITATI a "likare" Palaestina Felix dopo il mio appello.

Esercito Siriano, volontari palestinesi e dell'SSNP avanzano di 3 Km sulla frontiera tra il Rif Dimashq e Sweida!

Abbiamo appena appreso che, dopo un fallimentare tentativo dei terroristi di Al Nusra e dell'FSA di attaccare le alture di Rajm Suraykhi una decisa controffensiva condotta congiuntamente dall'Esercito Siriano, dai volontari palestinesi dell'Esercito di Liberazione e dai coraggiosissimi militanti della Nusur al-Zawbaa, la milizia del Partito Socialista della Nazione Siriana é riuscita non sono a ricacciare i takfiri sulle loro linee, ma a farli ulteriormente indietreggiare per circa 3 Km.

Le truppe governative siriane avanzano da T-3 e conquistano la zona di Doleiyat...una tenaglia sta per chiudersi su T-2!

Con un magistrale esempio di tattica i comandi siriani hanno approfittato del fatto che l'ISIS ha iniziato a spostare i suoi assetti difensivi verso la direttrice T2/Albukamaal per lanciare invece un attacco dalla direttrice della stazione di pompaggio T3, prendendo i takfiri totalmente di sorpresa e avanzando di parecchi Kilometri.

Nuove rivelazioni sullo strike missilistico iraniano contro l'ISIS: "Un missile ha causato l'esplosione di un enorme deposito di carburante!"

Come conseguenza non prevista del recente attacco missilistico scatenato dall'IRGC contro bersagli dell'ISIS intorno a Deir Ezzour uno dei vettori "Zulfiqar" ha causato l'esplosione di "un enorme deposito di carburante" accumulato dai takfiri per i loro veicoli da trasporto e da combattimento.

Lo ha rivelato il Generale Amir Ali Hajizadeh nella sua recente conferenza stampa con cui, come avevamo detto nel nostro articolo precedente, ha smentito e confutato le vociferazioni sioniste su presunti 'fallimenti' dei missili iraniani.

ATTENZIONE! Erdogan ha saccheggiato il guardaroba di un pensionato della Florida giocatore di golf!!!!!

La foto che vi presentiamo raffigura l'avventato (e probabilmente avventizio) aspirante sultanetto della Sublime Porta, Recep Erdogan, ritratto all'evento organizzato dal suo partito politico per la festività della fine del Ramadan.

QUESTO CI DA' MODO DI OSSERVARE CHE COSA INTENDA ERDOGAN PER "VESTITO A FESTA"!!!

Praticamente, l'uomo che vorrebbe essere erede di personaggi come Osman, Solimano il Magnifiico e Mehmet II pensa che 'vestirsi a festa' voglia dire conciarsi come un vecchietto americano di quelli che vanno su e giù per i campi di golf della Florida pilotando cart elettrici.

La reazione costernata di alcuni opinion leader nel campo della moda.

Nuovo attacco yemenita a una nave da guerra della coalizione degli invasori!

Ancora una volta la "Vincibile Armada" saudita, emiratina e degli altri stati-lacché che partecipano all'aggressione contro lo Yemen ha subito un duro colpo quando, al largo del porto di Mocha un suo vascello da guerra ha incassato l'impatto con un missile lanciato dall'Esercito Yemenita e dai combattenti dei Comitati Popolari di Ansarullah.

PALAESTINA FELIX chiama a raccolta tutti i 'brutti cattivi' della rete, fate piangere i compilatori di liste! Mandateci oltre "Quota 1000" su FB!

"E' giunto il momento che tutti i brutti sporchi e cattivi dell'Internet facciano piangere i compilatori di liste!"

Da diversi anni PALAESTINA FELIX ha una sua presenza Facebook (dopo che una prima pagina non poté più venire aggiornata per la chiusura dell'unico account autorizzato ad amministrarla).

Ho sempre preferito costruire il successo di PALAESTINA FELIX con una costante proposizione di contenuto di qualità che "naturalmente" creasse uno zoccolo duro di utenza ('userbase').

"Gonfiarla" artificialmente di contatti da FB mi sembrava una scorciatoia disonesta, come quelle dei culturisti che si gonfiano di anabolizzanti o si iniettano olio nei muscoli.

Però una certa importanza gli afflussi da Facebook pian piano hanno iniziato ad assumerla.

Ora, come vedete, su FB "Palaestina Felix - Nuova Pagina" ha esattamente NOVECENTOCINQUANTA "LIKE".

Volete farci arrivare a MILLE???



domenica 25 giugno 2017

Persino Rami Abdelrahman ammette che le truppe governative siriane stanno circondando la stazione T-2!

Il fasullo "Osservatorio siriani dei diritti umani", che come ricordiamo é basato a Coventry, sussidiato dai quattrini del servizio spionistico inglese e gestito da un cialtroncello che in Siria assaggiò per due volte la galera per truffa e peculato, ha emesso un comunicato in cui non può che riconoscere che le forze armate siriane si stanno disponendo ad accerchiare la stazione di pompaggio T-2.

L'incredibile coda di paglia sionista messa in ridicolo dal Generale iraniano Amirali Hajizadeh!

Un 'grande' fan del nostro blog giorni addietro aveva lasciato una 'testimonianza' sul nostro spazio commenti in cui pretendeva che i missili iraniani lanciati dalla Guardia Rivoluzionaria contro l'ISIS "fossero caduti in Irak".

Noi ovviamente l'abbiamo subito svillaneggiato dicendogli che manco i barbouzes di Al-Amak si erano azzardati a sostenere una simile balla.

Infatti non erano stati i barbouzes takfiri ma gli 'eletti' riccioluti che gli pagano il mensile!

La fola in questione era stata messa in giro (abbiamo scoperto poi), nientemeno che da israhell!

BRUTTI KATTIVI ANTI$HEMITY!!! NON FATE PIANGERE I BUONI SIONISTI INVASORI DELLA PALESTINA!!!



Israele non vuole che i Palestinesi lancino sassi.
Israele non vuole che i Palestinesi protestino.
Israele non vuole che i Palestinesi costruiscano case.
Israele non vuole che i Palestinesi preghino alla moschea di al-Aqsa.
Israele non vuole che i Palestinesi coltivino i loro campi.
Israele non vuole togliere l’embargo economico su Gaza.
Israele non vuole fermare la colonizzazione nei territori palestinesi occupati.
Israele non vuole che Gerusalemme diventi capitale condivisa tra Israeliani e Palestinesi.
Israele non vuole ritornare nei confini del 1967.
Israele non vuole che i Palestinesi possano muoversi liberamente da una città all’altra.
Israele non vuole permettere agli ex profughi palestinesi di poter fare ritorno nella loro terra.
Israele non vuole la rappresentanza palestinese all’ONU.
Israele non vuole l’UNRWA (l’agenzia delle Nazioni Unite che si occupa dei profughi palestinesi).
Israele non vuole rispettare le risoluzioni internazionali.
Israele non vuole distruggere il muro.
Ma in tutto questo, quelli che non vogliono la pace sono i Palestinesi


(YARA HAMOUD)

Il Presidente Assad arriva ad Hama e prende parte alle preghiere di fine del Ramadan nella Moschea Al-Nouri!

Il Presidente della Repubblica Araba Siriana Bashir al-Assad si é recato nella città di Hama per prendere parte alle preghiere per la fine del mese di Ramadan insieme ad alcune figure di spicco del mondo religioso musulmano, sia locali che nazionali.

In questo video vediamo il suo arrivo alla moschea; il fatto che Assad abbia viaggiato in totale calma e sicurezza fino a quella che veniva considerata come la 'capitale' dei ribelli wahabiti (al centro anche nel 1982 di un tentativo di insurrezione terroristica stroncato sul nascere dalla decisa azione di suo pare Hafez) dimostra quanto ormai le forze governative abbiano ripreso saldamente il controllo sui maggiori centri urbani del paese.

Occupanti sionisti massacrano un legittimo abitante della Palestina, poi, come al solito, "piazzano" un coltello vicino alla salma!

Nell'ennesimo episodio di assassinio a sangue freddo di un Palestinese innocente militari del regime di occupazione sionista hanno massacrato a colpi di mitra il ventitreenne Biha Emad al-Harbawi, di Eizariyah.

La vittima si trovava al posto di blocco di Al-Jaba, a Nord di Gerusalemme; una volta scempiatolo i sionisti hanno come d'uso "piazzato" un coltellino vicino alla salma, per poter pretendere di essere stati aggrediti.

sabato 24 giugno 2017

La Jihad Islamica Palestinese presenta il suo ultimo contingente di duemila reclute, pronte alla battaglia per la fine dell'Occupazione Sionista!

In occasione della Giornata di Gerusalemme che si é tenuta ieri, l'organizzazione per la Jihad Islamica in Palestina ha rilasciato un filmato ufficiale nel quale annuncia la creazione di un nuovo contingente di 2000 combattenti "pronti a impegnarsi da subito nella battaglia per la liberazione e la rendenzione della Palestina Occupata".

Il filmato é visionabile qui di seguito.

Questo 'carico' di proiettili mescolati alla rinfusa dimostra quanto in basso sono caduti i takfiri del Ghouta!

Quando 'assediavano' la capitale siriana i terroristi takfiri ricevevano vagonate di munizioni...pagate dai corrotti sceicchi del petrolio su ordine della CIA e del Mossad.
Adesso guardate, poche ore fa nel Rif Dimashq le forze armate siriane hanno confiscato questo camion dove, nascoste sotto il pianale stavano mezza dozzina di contenitori pieni di proiettili scompagnati, con i bossoli ossidati e pieni di 'bozze'...che non si sa nemmeno se, infilati in un caricatore, esploderanno in maniera corretta o scoppieranno mettendo a rischio lo sparatore.

Truppe siriane conquistano la collina di Al-Abjar tra le province Hama e Raqqa!

Al confine tra la parte Nordoccidentale della Provincia di Hama e quella di Raqqa le forze siriane dell'Esercito regolare, della milizia NDF e dei volontari palestinesi sono riuscite a sloggiare i terroristi dell'ISIS dalla strategica collina di Al-Abjar.

Questo risultato segnala che anche in questa zona di confine i takfiri del 'Daash' stanno vivendo di tempo preso a prestito e presto si dovranno ritirare esponendosi alle forche caudine delle Aviazioni siriana e russa.

Nuova intervista del vostro affezionato caporedattore ai microfoni degli amici di Pars Today!

Ancora una volta i colleghi ed amici di Pars Today, (già IRIB Radio Italia) hanno voluto valersi delle poche conoscenze del vostro affettuoso e amabile Caporedattore.

Il risultato é l'intervista audio che potete ascoltare a questo indirizzo.

La mia felicità nel venire interrogato dall'amica Shima su quello che considero uno dei più importanti eventi politici-strategici del Medio Oriente negli ultimi venticinque anni (e non sto scherzando) é stata veramente grandissima.

Iniziano le esportazioni di gas naturale iraniano verso l'Irak! Anche questa é una sconfitta per l'ISIS e per i suoi burattinai!

Il Viceministro Iraniano per gli Idrocarburi, Amirhoseein Zamaninia ha dichiarato che l'esportazione di gas metano verso l'Irak ha ripreso il suo corso in data mercoledì 21 giugno; il volume dell'esportazione, inizialmente pari a sette milioni di metri cubi, raggiungerà presto il livello di trentacinque milioni.

Può sembrare 'buffo' che l'Iran esporti gas metano verso l'Irak, paese a sua volta ricchissimo di petrolio, ma, a differenza del petrolio, il gas può venire immediatamente bruciato in centrali elettriche per la generazione di energia elettrica o usato per scopi domestici, con una flessibilità d'uso incredbilmente maggiore.

venerdì 23 giugno 2017

Truppe siriane avanzano nel Governatorato di Deir Ezzour puntando su Albukamaal!

Cinque giorni fa le truppe siriane avanzando dal Badia al-Sham entravano nella Provincia di Deir Ezzour da Sud.

Adesso possiamo confermare che una nuova avanzata é in corso e sta puntando dritta verso la stazione di pompaggio T-2 dell'Oleodotto Bagdad-Latakia e verso lo strategico varco di confine di Albukamaal.

Esso é un punto nodale della frontiera Siro-Irakena e la sua riconquista suonerà come una campana a morto per l'ISIS.

ESCLUSIVA PER L'ITALIA!!! Palaestina Felix presenta al suo pubblico le foto e gli ingrandimenti dei bersagli centrati dai missili russi!

Abbiamo qui per voi una nuova "chicca", un qualcosa che, speriamo, vi consiglierà e vi suggerirà di continuare a seguire questo modesto, ma costante, e approfondito blog giornalistico che ogni giorno da sette anni fa I SALTI MORTALI per riuscire a presentarvi un'informazione il più possibile corretta e aderente alla realtà e alla verità dei fatti.

Video dei lanci dei "Kalibr" russi di stamattina e dei loro impatti contro i bersagli dell'ISIS attorno Aqayrbat!

L'emittente iraniana PressTV ha diffuso poco fa questo collage di testimonianze filmate che in pochi secondi, con mirabile capacità di sintesi, riassume le fasi salienti dell'attacco missilistico russo contro bersagli dell'ISIS nell'Est della Provincia di Hama, precisamente intorno alla località di Aqayrbat.

"MISSILES AT AN EXHIBITION!!!!" A Teheran esposti al pubblico i missili Zulfiqar che hanno punito l'ISIS per i suoi attacchi all'Iran!

In occasione della "Giornata Internazionale di Al-Quds (Gerusalemme)" che secondo le indicazioni del leader della Rivoluzione Islamica Ayatollah Khomeini si celebra oggi, ultimo venerdì di Ramadan, e a celebrazione dell'attacco missilistico con cui la Repubblica Iraniana ha punito i terroristi dell'ISIS schierati intorno a Deir Ezzour con una raffica di vettori balistici lanciati dalle province di Kermanshah e del Kurdistan Iraniano, esemplari di missile "Zulfiqar" (lo stesso usato nell'attacco anti-Daash) sono stati esposti nelle strade della capitale.

Nuova raffica di missili "Kalibr" contro l'ISIS dalla 'Essen', dalla 'Grigorovich' e dal sottomarino 'Krasnodar'!

Sei missili da crociera "Kalibr" sono stati lanciati contro obiettivi dell'ISIS intorno ad Aqayrbat, nella Provincia di Hama.

E' l'ennesima volta che la Marina Russa ricorre a questi precisi e potenti vettori da crociera per distruggere obiettivi ad alto valore e infliggere così duri colpi all'insorgenza terroristica in terra siriana.

Ecco l'ennesimo motivo per cui PALAESTINA FELIX "parla tanto della Siria"!

Ancora adesso, a circa sei anni dall'inizio dell'aggressione imperialista contro la Repubblica Araba Siriana riceviamo commenti o messaggi in cui ci viene chiesto: "Ma se il blog si chiama PALAESTINA FELIX come mai scrivete principalmente della Siria?".

A parte il fatto che, molto evidentemente "il blog é nostro e ci scriviamo quel che vogliamo"; PALAESTINA FELIX é nato come osservatorio sulle crisi e sui conflitti del M.O. e si chiama così perché la Palestina é SICURAMENTE la zona di crisi più 'storica' dell'area, ma in generale ci interessiamo di tutti i teatri in cui forze di Resistenza si oppongono ai disegni di sfruttamento e oppressione dell'internazionale imperialista anglo-americana-sionista.

giovedì 22 giugno 2017

ET VOILA' le truppe siriane sono tornate al varco di confine di Nasib!

Avevamo annunciato che la Russia stava mediando tra Siria e Giordania per garantire il ritorno di forze governative di Damasco al varco di confine di Nasib; adesso, una volta ancora, i fatti confermano che PALAESTINA FELIX é l'outlet giornalistico indipendente da seguire se si vogliono conoscere IN ANTICIPO gli sviluppi politici e strategici della delicatissima arena mediorientale.

Le truppe del reuccio Abdallah aprono il fuoco al "Triangolo delle Frontiere" (vicino Al-Tanf), ammazzano cinque terroristi che cercavano di entrare in Giordania!

Sembra proprio che i reali ascemiti non abbiano ALCUNA INTENZIONE di lasciar 'pachistanizzare' il loro regno trasformandone una parte (sia pure quella deserta e desolata delle frontiere nord-orientali con Siria e Irak) in un 'retrofronte' dove takfiri e terroristi assortiti possano ripiegare attendendo nuove occasioni di attaccare i territori riconquistati dalle truppe di Damasco e Bagdad.

Tant'é che ormai sono usuali i rapporti su scontri a fuoco tra truppe di Amman e sbandati di varie formazioni estremiste che cercano di approfittare della natura sperduta e porosa del confine (nel cosiddetto 'Triangolo delle Frontiere') per riparare lontano dal raggio d'azione dell'Esercito Arabo Siriano e delle milizie Hashd al-Shaabi irakene.

PILOTA EROE colpito col suo elicottero sopra Deir Ezzour riesce a riportarlo fino alla base di Qamishli dove atterra sano e salvo!

Ai nostri lettori proponiamo il ritratto fotografico dell'ufficiale Issa Ezzedine che, impegnato in una missione di rifornimento a favore degli eroi di Deir Ezzour al momento del decollo dall'Aeroporto della città sull'Eufrate veniva bersagliato da mitragliere dell'ISIS.

Nel tentativo di guadagnare quota il più rapidamente possibile il suo Mi-8 "Hip" (in parley NATO) incassava diversi colpi, tanto da far dubitare al pur freddo e coscienzioso pilota di riuscire a portare a buon fine il suo volo verso la base di Qamishli, da cui era partito.



Storia della Moschea di Al-Nuri, ultimo pezzo di storia violentato dai takfiri dell'ISIS!

Costruita nel 1172 per volontà di Nuruddin al-Zanki, regnante e condottiero il cui dominio si stendeva tra l'odierna Turchia di Sud-Est, il Nord dell'Irak e il Nord-Est della Siria, la Moschea di Al-Nuri celebrava i suoi successi nella lotta contro i "Franchi" e i regni latini da essi impiantati tra Libano e Palestina dopo la Prima Crociata.

La Moschea, che includeva una Scuola Coranica, era la più antica e venerata di Mosul e dell'Irak del Nord ed era celebre per il "Minareto Pendente" (nella foto), chiamato affettuosamente "Il Gobbo" dagli abitanti della città; il suo nome completo era Minareto di Al-Hadba.

Il Generale Yarallah rivela: "L'ISIS ha distrutto la Moschea di Al-Nuri quando i nostri uomini erano a 50 metri di distanza!"

Questa foto drammatica presa da un drone operato dalle forze irakene mostra quello che rimane della storica Moschea di Al-Nuri dopo il sacrilego gesto dell'ISIS che ha preferito distruggerla piuttosto che farla liberare dalle truppe governative.

Il Generale Abdulamir Yarallah, Comandante in capo dell'Operazione per la Liberazione di Ninive ha dichiarato che i suoi uomini stavano avanzando sull'obiettivo (dall'alto valore propagandistico e simbolico) e si trovavano ad appena 50 metri dal suo perimetro, quando la distruzione é avvenuta.

L'ULTIMA INFAMIA! L'ISIS a Mosul distrugge la storica moschea (sunnita) di Al-Nuri e il suo celebre Minareto Pendente!

Bisognava aspettarselo.

Di fronte al crollo del suo ultimissimo bastione nel cuore della Città Vecchia di Mosul gli iconoclasti dell'ISIS non hanno esitato a distruggere l'antica e celebre Moschea di Al-Nuri, dove, ormai tre anni fa, il defunto Al-Bagdadi lanciò il ridicolo proclama del 'Califfato'.

mercoledì 21 giugno 2017

La battaglia per il Sud della Siria si concentra a Daraa al-Balad!

Forze siriane dopo avere con successo accerchiato il fianco Ovest di Daraa al-Balad stanno approfittando del crollo delle posizioni dei terroristi che non ci tengono a finire assediati e stanno penetrando profondamente nel quartiere in questione.

Bombardamenti aerei e di artiglieria si susseguono sia su Daraa al-Balad che su Al-Atisheh, mentre recentemente si é diffusa la notizia della morte del noto comandante dell'FSA Issa al-Mosalemeh, caduto nel corso dei recenti combattimenti.

L' "Assange saudita" suggerisce che Re Salman potrebbe presto abdicare a favore del figlio trentunenne!

Diciamo la verità, in effetti qualche settimana fa quando insieme a Donald Trump e a un visibilmente imbarazzato Abdelfatah al-Sisi era impegnato ad accendere una specie di residuato degli allestimenti natalizi di Macy's, Re Salman di Arabia Saudita non sembrava eccessivamente sveglio e presente a sé stesso ma, a quanto sembra, egli era in uno dei suoi momenti di forma più smagliante visto che numerose voci di corridoio ripetono, ormai da mesi, che tranne per brevi periodi, che si manifesterebbero sempre più raramente e che hanno bisogno di venire 'facilitati' da massicci "cocktail" di farmaci, il sovrano di Casa Saoud sarebbe, virtualmente preda della demenza.

BACK IN THE USSR!!!! Il 'Corsera' soccombe alla "OST-algia" e riesuma la CARA VECCHIA UNIONE SOVIETICA!!!!

Tutti sappiamo che le cose andavano MOLTO MEGLIO quando c'era l'URSS.

I paesi baltici erano rispettate repubbliche sovietiche e non cessi chimici elevati a 'nazioni' che servono più che altro da bordello per i militari americani.

L'Ucraina era una POTENZA ECONOMICA E INDUSTRIALE e non un paesaggio desolato con occasionali marce gay e commemorazioni di criminali di guerra nazisti.

E anche la classe operaia e lavoratrice occidentale veniva "tenuta buona" con misure di occupazione, previdenza, pensioni, sanità e istruzione che, una volta distrutta l'URSS il padronato parassita ha fatto presto a demolire.