venerdì 2 ottobre 2015

Gli aerei russi in Siria possono compiere da 150 a 300 missioni di bombardamento al giorno!

Secondo stime affidabili ormai dovrebbero essere una cinquantina i cacciabombardieri, gli aerei da appoggio tattico e interdizione e i bombardieri a medio raggio stanziati da Mosca nella base aerea di Latakia. Questa forza può compiere centocinquanta raid al giorno, probabilmente il doppio con equipaggi 'di ricambio', ma almeno per i primi giorni il ritmo operativo sarà molto più basso, diciamo tra le quaranta e le sessanta missioni al giorno.

Per ora gli attacchi si sono concentrati nella Provincia di Idlib, nella Piana di Al-Ghaab e ad Est di Aleppo, dove gli indomiti difensori della base di Kuweires hanno visto le posizioni dell'ISIS andare in fumo sotto i missili e le bombe guidate dei piloti di Putin.

Una volta che i bersagli nel Nord della Siria saranno sfoltiti inizieranno i raid a bassa quota per sostenere un'offensiva di terra siriana volta a riprendere Idlib e ristabilire il controllo dei confini con la Turchia, solo allora l'attenzione russa si volgerà altrove.

2 commenti:

  1. i tafkiri avranno pane per i loro denti! Però non si fermeranno tanto facilmente perché occorrerà capire fino a che punto i siriani saranno disposti a far distruggere tutte le loro case....Le bombe "intelligenti" a guida laser vanno dove sono indirizzate, abbiamo visto anche in Libia che possono distruggere tutto quello che vieno loro comandato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Finché sono zone rurali si può fare benissimo

      Elimina