mercoledì 23 agosto 2017

L'Ammiraglio Aucoin "silurato" dal comando della 7a Flotta Usa; orribile fato per i dieci marinai dispersi!

19 agosto 2016 - la USS Louisiana va a sbattere contro la USNS Eagleview

9 maggio 2017 - la USS Lake Champlain cozza contro un peschereccio sudkoreano

17 giugno 2017 - la USS Fitzgerald sbatte contro la portacontainer ACX Crystal, sette morti

21 agosto 2016 - la USS McCain impatta contro la petroliera Alnic MC, dieci dispersi che tra poco saranno confermati come morti.



In conseguenza di questi quattro disastri avvenuti nel giro di quattordici mesi l'Ammiraglio Joseph Aucoin dovrà abbandonare i suoi uffici a Yokosuka, Giappone, da cui comandava l'intera Settima Flotta, braccio armato dell'imperialismo yankee nei mari del Giappone, della Cina e del Sud-Est asiatico.

Finora era stato solo il Capitano della Fitzgerald insieme a due suoi ufficiali a "pagare" con la rimozione, ma l'imbarazzo crescente generato da navi che sembra abbiano "perso la tramontana" andando a scontrarsi apparentemente alla cieca contro unità certo non difficili a individuarsi (parliamo di petroliere e portacontainer lunghe oltre cento-centoventi metri) "richiede" un'altra misura esemplare.

Cosa possiamo capire da questi incidenti?

Tralasciamo le spiegazioni da 'fanta-thriller' con gli "hacker" di Beijing e di Pyongyang (o magari di Mosca!) che confondono gli strumenti a stelle e strisce con le loro magie elettorniche.

Il fatto é che nella Marina Usa non ci sono più vedette con gli occhi fissati sull'orizzonte, nessuno sa più usare un sestante, tutto si fa con GPS e computer.

E così accadono i disastri, quando le 'diavolerie' moderne fanno cilecca.

Una volta attraccata in porto la USS McCain ha potuto aprire i comparti allagati e sigillati dopo l'impatto...sono stati trovati resti umani, i dieci "dispersi" sono prima stati maciullati dalle lamiere deformate e poi spazzati in mare.

Una morte orribile, per cui, anche se si trattava di persone che effettivamente servivano "il Male" (cioé gli interessi imperialisti Usa) non possiamo non provare un momento di umana 'Pietas'.

4 commenti:

  1. penso che la sospensione dell'Ammiraglio sia la punta dell'iceberg,quella che i comandi hanno deciso di rendere pubblica!Una serie di incidenti simile provocherà una burrasca non indifferente in tutta la marina.
    GPS e computer sono ormai utilizzati da tutti i militari sia in marina che in aviazione sia a terra,ma nel caso degli incidenti USA ci deve essere altro!

    RispondiElimina
  2. La spiegazione è semplice, gli americani fanno i bulli in mare credendo di avere sempre la precedenza, gli altri per orgoglio rispettano le precedenze e si arriva allo scontro

    RispondiElimina
  3. chiedo scusa 21 agosto 2017 non 2016

    RispondiElimina